Mario Lega analizza per pu24.it la gara del Qatar: “Marquez e Rossi stupendi, a Pedrosa mancano sempre 5 centesimi per fare il milione”

di 

23 marzo 2014

 mario legaCon questo articolo il grande Mario Lega, campione del mondo nella classe 250 nel ’77, scrive per noi le sue impressioni sul Gp del Qatar, primo atto del motomondiale.

“A parer mio” di Mario Lega                                  

Bellissima gara della motoGP. Carmelo Ezpeleta, nel suo delirio da regolamenti, è riuscito a vivacizzare solo le prove perchè in gara, alla fine, le Factory sono le più forti e le Open devono fare le Open, finte o fasulle che siano. La Honda, invece, ha palesemente buggerato i propri clienti fornendo loro una moto che non ha la tecnologia promessa, ma l’ha fatta pagare come se l’avesse.

Rossi e  Marquez: una sfida incredibile

Rossi e Marquez: una sfida incredibile

Vince Marquez, un tipetto che anche se convalescente fa risaltare tutta la sua classe, coadiuvato da una moto eccezionale. Un sontuoso Valentino Rossi che a dispetto della posizione in griglia di partenza, esibisce una delle più belle gare della sua prestigiosa carriera. Lui stesso, dopo le prove, aveva fatto notare quanto poco fosse il distacco dai primi, in termini di decimi e che il suo “passo” fosse più che buono.

Ebbene, il giovane e il “vecchio” hanno messo in scena uno spettacolo che fa riavvicinare gli appassionati alla massima cilindrata, nonostante i tentativi di boicottarla dell’organizzazione e dalla tv a pagamento (non per tutti). Stupendi!

Pedrosa fa la figura del solito spettatore privilegiato: è fortissimo, ma gli mancano sempre 5 centesimi per completare un milione. Alla fine della carriera, però, potrà scrivere un libro dal titolo: “Visti da vicino”.

Il podio del Qatar: la Yamaha di Rossi rompe il predominio Honda

Il podio: la Yamaha di Rossi rompe il predominio Honda

E veniamo alle campane stonate…

Lorenzo, nervosissimo durante le prove, scontroso e inconcludente, deve rimboccarsi le maniche per non sfigurare. In gara parte benissimo e Capirossi (promosso come telecronista) fa notare come il buon Jorge sappia sfruttare al 100% le gomme fin dal primo giro: gufata tremenda, perché incappa proprio nell’errore di essere troppo aggressivo. Priva se stesso di una buona manciata di punti per il campionato e noi di una gara ancor più combattuta. Peccato!

Cadono come le pere…quasi tutti i giovani galvanizzati dalla vicinanza ai più blasonati avversari, spavaldi, prendono più rischi del dovuto oppure sopravvalutano il loro vero potenziale, fattostà che pagano dazio. Iannone, autore del primo tempo nel warm up si stende, ma riprende. Bautista aveva già in mano il sogno del podio, superando l’ufficiale Pedrosa, ma anche lui conclude a pochi giri dalla fine nella ghiaia (rabbia tremenda). Bradl, conferma di poterci stare con i primi, ma conferma pure che per ora non regge il passo e crea altri danni al Team di Cecchinello, oltre che al proprio morale.

Infine le Ducati, graziate dal regolamento e migliorate in guidabilità, rimangono sempre nella stessa posizione di classifica, non tenendo conto delle molte defezioni: per loro c’è ancora da lavorare.

 

 

12 Commenti to “Mario Lega analizza per pu24.it la gara del Qatar: “Marquez e Rossi stupendi, a Pedrosa mancano sempre 5 centesimi per fare il milione””

  1. smanettone scrive:

    Arguto, preciso come un campione del mondo che non le manda a dire e le scrive: commento di gara “superiore”, di gran classe questo di Mario Lega. Fantastico ” i cinque centesimi per fare il milione”; esilarante “visti da vicino”. Grazie Mario

  2. Adelio Faccioli scrive:

    Bravissimo Mario! Conciso, ma efficace, hai fatto il punto della situazione da vero Esperto, quale sei! Bravissimo!

  3. giorgio scrive:

    Che bello leggere a parer mio di Lega. L’analisi di un Campione del Mondo è sempre più attenta di quella di un appassionato perchè chi ha avuto la fortuna di “indossare” il numero 1 vede le gare da un altro punto di vista ovvero dal punto di vista del protagonista. Conosce la paura, il coraggio e li racconta, se poi lo fa come Lega, in punta di penna, ci fa pure divertire.
    Mario il suo pezzo me lo sono “bevuto”, nel senso che l’ho letto in un attimo, ed è stato un gran bel modo di iniziare la giornata.

    • Mario Lega scrive:

      Grazie Giorgio, hai centrato quello che è il mio obiettivo, ovvero dire il mio parere in poche righe e non annoiare, quindi il tuo: “me lo sono bevuto” è il più bel complimento per me. Alla prossima.

  4. JOE BAR scrive:

    Una sintesi perfetta, arguta e spietata allo stesso tempo. Del resto il bellissimo pezzo è scritto da un campione del mondo che sa leggere tra le righe il nervosismo manifesto di Lorenzo, l’ardore giovanile di Iannonne e Open Company e l’incompiuto Pedrosa.
    Per il futuro invito tutti i lettori di Racing Zone a seguire i commenti competenti ed essenziali del grande Mario Lega invece di annoiarsi sul divano ascoltando ore e ore delle pallose chiacchiere che si fanno nel dopo gara negli studi televisivi di SKY.

  5. DAI DE GAS scrive:

    Per me che sono un ragazzo del 68, tu Mario eri e sei un mito. Avessi dato un decimo del gas che davi tu, in panoramica tra Pesaro e Gabicce avrei stracciato tutti. Vedo che anche con la penna gli dai del gas e condivido parola per parola quianto ha scritto Adelio Faccioli

  6. DAVIDE scrive:

    Mario il tuo articolo è da vero esperto. Continua così e sarà un piacere continuare a leggere i tuoi articoli.

  7. IL BARISTA scrive:

    Bellissimo articolo, Mario non le manda certo a dire e questo e’ un bene per i conoscitori meno esperti del mondo a due ruote. Complimenti anche alla redazione per la puntualita’ negli aggiornamenti dei risultati in tutto il week end della motogp, e complimenti a Vale per la gara spettacolo, se il buongiorno si vede dal mattino…………………………..

  8. BRUSCO 54 scrive:

    Ciao Mario e grazie. Come vedi il tuo primo pezzo su pu24 è piaciuto parecchio e, se vuoi ti invito pubblicamente a scrivere ancora perchè tu in Qatar ci hai girato e forse puoi spiegarci perchè quasi tutti sono caduti alla curca 2? E poi quel Vale lì è andato proprio forte: insomma, se hai tempo, dicci altro a “mio parere”. Ciao

  9. Grotzkyj Giorgi Simone scrive:

    Bravo Mario!! Hai scritto un articolo degno di nota, sono d’accordo con te al 100%
    A presto!!
    Ciaooo

  10. Gianmarco Andreoni scrive:

    Gran bell’articolo Mario Lega ,ottima analisi di ogni singolo pilota , condivido le tue impressioni!!!
    Ciaooo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>