Football, al Camposcuola (ore 14.30) c’è Angels-Neptunes

di 

28 marzo 2014

Ranocchi Angels. Foto Danilo Billi

Ranocchi Angels. Foto Danilo Billi

PESARO – Terza partita consecutiva in casa per gli Angels e c’è voglia di proseguire il percorso netto con cui si è chiuso il girone di andata. Travolti gli Hogs Reggio Emilia, battuti senza troppi problemi i Titans Romagna, domenica 30 marzo i pesaresi ospitano i Neptunes Bologna (ore 14.30 al camposcuola di via Respighi), finora i più duri da battere. “Forse anche perché quel giorno giocammo nel fango, senza quindi poter dare libero sfogo alla corsa che ci ha dato sin qui grandi risultati – ricorda il presidente Fabbri -. Il nostro attacco si è espresso sicuramente meglio nelle gare successive”. Intanto, il cammino dei pesaresi è sin qui senza macchia e comincia ad assomigliare a quello dello scorso anno quando la truppa di Pippi Moscatelli macinava vittorie a raffica: “Ma stavolta vogliamo cambiare il finale. Non andremo fuori al primo turno dei playoff, questo mi sento di prometterlo” dice spavaldo coach Moscatelli. Soddisfatto dei segnali visti contro i Titans: “Nell’ultimo quarto, con il risultato ormai al sicuro, abbiamo dato spazio alle seconde linee, che hanno risposto bene. E’ importante allargare le responsabilità perché poi questi ragazzi te li ritrovi pronti quando conta”. Nell’ultima uscita, con Pas influenzato la tattica si è incanalata più sui lanci che sulla corsa, ed è emerso ancora una volta il gran talento di Frazzetto che si trova a meraviglia col suo quarterback, Jacopo Terenzi, molto maturato da quando la società, con grande coraggio, gli affidò le chiavi della squadra che il ragazzo non aveva ancora 17 anni. Oggi certe scelte ripagano in pieno la dirigenza degli Angels.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>