Zucchi, Sel su alleanze e progetto di Sinistra unita

di 

30 marzo 2014

Andrea Zucchi

 

PESARO – Continuiamo a leggere ipotesi infondate riguardanti SEL, come quella di alleanze precostituite col PD, o come l’adesione di Michele Gambini al nostro progetto, che in realtà ci risulta orientato verso altre soluzioni. In realtà posso solo confermare che Sinistra Ecologia e Libertà è impegnata nel suo progetto di riunire tutte quelle forze che riconoscono come proprio obiettivo quello di dare voce ad un’ampia cittadinanza, che chiede di essere ascoltata, coinvolta nelle decisioni più importanti della città, troppo spesso calate dall’alto, sostenuta nei suoi bisogni, che sono quelli di chi soffre la grave crisi economica ed occupazionale che ci attanaglia da tempo, siano essi disoccupati o imprese in difficoltà. E’ solo facendo acquisire un superiore peso specifico a questa area che ci sentiamo di rappresentare, che potremo dire la nostra su sanità, welfare e nuove forme di lavoro e proporre nuove soluzioni per valorizzare la cultura e l’ambiente, anche in ottica di investimento vero sul turismo e di rilancio economico, ed in discontinuità con quanto visto fino ad oggi.

Andrea Zucchi

Andrea Zucchi

Riteniamo che sia solo facendo un grande sforzo inclusivo che sia possibile perseguire un alto obiettivo come questo che ci prefissiamo, superando antiche divisioni o nuove pregiudiziali, rigettando richieste di poltrone o accordi preliminari, per ricercare la massima unità tra le forze che vorranno partecipare, comprese tutte quelle realtà del mondo civile in cerca di un riferimento che ancora non stanno trovando. Il contemplare la possibilità di mettere da parte dei simboli di partito che comunque ci appartengono, rappresenta proprio questa estrema apertura all’altro, che risulta completamente contraria ad ogni tipo di personalismo o di paletto pregiudiziale, che sia sull’età dei candidati (vogliamo proporre giovani, ma anche persone competenti e con esperienza), sul nome della lista o su qualsiasi altro pretesto. Il nostro progetto è aperto a tutti, compreso Rito Briglia, se vorrà riconoscersi con pari dignità in una forza autentica di sinistra. Sarà poi la concretezza del programma a delineare i confini di questa formazione, che ci vede dialogare con Rifondazione e PDCI, ma che potrebbe allargarsi anche ai Liberi x Pesaro, lista civica che vediamo ormai completamente centrata su temi sociali assolutamente vicini anche a noi – come quelli ad esempio della tutela dei disoccupati e degli sfrattati – e che inviteremo al tavolo comune che terremo la prossima settimana con tutti i soggetti interessati a concludere questo progetto di sinistra unita. E’ solo su questo obiettivo che siamo concentrati adesso, e solo dopo averlo concluso discuteremo con le forze vicine, come il PD, per verificare eventuali convergenze, che rimangano nell’alveo del centro-sinistra però, per cui difficilmente riteniamo compatibili i programmi di partiti come l’UDC, ad esempio, che anche a livello nazionale sono confluiti col centro-destra, e che già nel modello-laboratorio Marche avevamo scelto di non affiancare.

Crescere richiede un grande sforzo e delle rinunce, che siamo disposti ad accettare, condividendole con chi ricerca, come noi, un rinnovamento della sinistra a Pesaro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>