Longobardi (LXP): “Questo bando aiuta i cittadini, il resto è demagogia”

di 

31 marzo 2014

PESARO – L’emergenza abitativa non è un’affare, oggi abbiamo nella nostra città centinaia di sfrattati per morosità incolpevole, persone che non riescono più a pagare l’affitto per la perdita del lavoro. Pesaro è la città dove piccoli e grandi propietari speculano in modo esagerato sul canone di affitto, tanto che siamo la più cara delle Marche. Dividere i tre milioni e mezzo di euro tra i cittadini che non riescono a pagare l’affitto sarebbe solo un modo per buttare via i soldi, li aiuteremo solo per pochi mesi per poi vederli ripiombare nella stessa identica situazione, mentre acquistare da chi ha alloggi liberi ad un prezzo di mercato sociale (circa 1400 euro al metro quadro contro i tremila del mercato libero) è sicuramente un affare per i cittadini che hanno l’esigenza di spostarsi in una casa popolare. Il significato di questa operazione è molto semplice e ottiene tre obiettivi: nessun consumo di territorio; avere gli appartamenti disponibili da subito; avere tramite i bandi ai quali possono partecipare tutti – anche chi non ne ha diritto – una mappatura degli alloggi sfitti a Pesaro. Mi meraviglio che un candidato alle elezioni comunali come Massimo Pagnoni del Movimento 5 Stelle non riesca a fare questa equazione, ma si limita a proporre una posizione confusa e demagogica: mai come oggi vi è il bisogno di nuovi appartamenti di edilizia popolare: concludo ricordando che le richieste a Pesaro superano il numero di 500. Pino Longobardi – candidato al Consiglio comunale per la lista civica “Solidarietà-LiberiXPesaro”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>