Voto contrario della Provincia sulla variante al Prg cercata dal Comune, il comitato Fano2 esulta

di 

5 aprile 2014

FANO – Il comitato Fano2 esprime viva soddisfazione per il parere contrario espresso ancora una volta dalla Giunta provinciale sulla variante al PRG che, secondo gli amministratori comunali di Fano, avrebbe dovuto prevedere un nuovo comparto residenziale in sostituzione dell’attuale verde attrezzato, previsto nelle immediate adiacenze del quartiere. Questa ipotesi era già stata bocciata dalla Provincia nel 2008 in considerazione del fatto che già allora era stata accertata una forte carenza di parcheggi e di verde.

“La petizione popolare sottoscritta da cinquecento cittadini – si legge nella nota – con la quale si richiamava l’attenzione della Giunta Aguzzi sulle esigenze del Fano2, è stata del tutto ignorata, in ossequio ad una politica urbanistica ferma all’idea che, nonostante l’invenduto edilizio, Fano avrebbe ancora bisogno di appartamenti. Ringraziamo pertanto i tecnici e la Giunta provinciale per aver respinto una seconda volta la variante di Fano2 nello svolgimento dei propri compiti istituzionali. Ringraziamo tutti i cittadini che hanno partecipato; insieme siamo stati determinati a far valere le nostre motivazioni, in particolare i giovani che con le loro iniziative hanno dimostrato che anche questo quartiere potrebbe essere più valorizzato avendo a disposizione spazi adeguati. Ringraziamo i consiglieri comunali fanesi che nella seduta dello scorso 1 luglio hanno votato contro questa vergognosa variante, in particolare quelli che con il loro impegno hanno difeso questo quartiere con passione e competenza, le forze politiche di opposizione, le Associazioni Scout, Lupus in Fabula e tutti i comitati che, come noi, hanno a cuore il bene comune. Ringraziamo tutte quelle persone che si sono adoperate per la salvaguardia di questa area verde, che hanno fatto prevalere le ragioni del buon senso al di là di qualsiasi colore politico. Ribadiamo ancora la nostra soddisfazione perché il nostro motivato dissenso è stato accolto e perché non sempre i diritti possono essere calpestati”.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>