Giuseppe Cristini, l’anfitrione dei vini marchigiani al Vinitaly di Verona

di 

6 aprile 2014

Giuseppe Cristini al Vinitaly con Juri Chechi

Giuseppe Cristini al Vinitaly con Juri Chechi

VERONA – Al Vinitaly di Verona sono circa 130 i produttori marchigiani negli oltre 1.000 metri quadri del Padiglione Marche. Saranno migliaia le bottiglie che verranno stappate da oggi fino al 9 aprile in questa grande fiera del vino mondiale, per raccontare il fascino Marche e lo stile della meravigliosa enologia marchigiana.

“Saremo a Verona a fianco della Regione – dice Giuseppe Cristini, consulente enogastronomico e narratore del gusto – per comunicare il pianeta marchigiano dei vini e per narrare i segreti del gusto e dei territori, dove in ogni vallata, in ogni lembo di territorio ed in ogni crinale possiamo trovare una ricetta tipica, un prodotto della tradizione e un vino differente per estrazione e personalità. Uno dei temi più dibattuti sarà quello di come affrontare l’abbassamento dei consumi del vino. Sono cambiate le abitudini alimentari sia in cucina sia nel calice! Questo è dovuto ad un alleggerimento dei sapori ed è variato il “concetto strutturale” del vino, non più visto come fonte di energia, ma come desiderio di uno stile di beva e di vita, sempre più snello e decisamente light. Certamente il vino è legato ai momenti belli della vita e per questo non va messo su di un piedistallo e non vanno alzati steccati nemmeno da parte degli esperti che non devono impaurire il neofita. Va usato un linguaggio scorrevole e mai troppo tecnico”.

“Negli anni – dice ancora Cristini – siamo passati dal ruolo di sommelier a quello di enogastronomo per trasformarci in narratori del Gusto e dell’arte per puntare all’altissima formazione. Intanto la giornata odierna del Vinitaly è stata caratterizzata dalla fase mediatica e televisiva; infatti dopo il taglio del nastro si è svolta una diretta televisiva per le Marche sui canali di Tv Centro Marche, dove si è parlato del Modello Marche e di internazionalizzazione dei vini, alla presenza del presidente Solazzi. Grande ospite della giornata il campione olimpico e vignaiuolo nelle Marche Juri Chechi”.

Il prestigioso Premio Cangrande “Benemeriti della Viticoltura”, assegnato ad un produttore per regione italiana, quest’anno è andato all’azienda agricola Mario Di Ruscio di Campofilone Fermo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>