Francobolli, cartoline, spettacoli teatrali e conferenze: Fermignano omaggia Donato Bramante, il concittadino più illustre

di 

8 aprile 2014

FERMIGNANO – Una settimana ricca di eventi per celebrare il cittadino più illustre di tutti i tempi a cui Montesdrualdo, Fermignano, abbia mai dato i natali: Donato Bramante.

Dopo una piccola anticipazione avvenuta qualche settimana fa, venerdì, dalle ore 10.30, presso la torre medioevale della cittadina metaurense, si svolgerà la cerimonia per l’annullo filatelico. L’11 aprile è la data di morte di Bramante, avvenuta 500 anni fa.

Sarà un momento senza precedenti per tutti gli amante e gli esperti di filatelia. L’ufficio postale si sposterà nella torre, simbolo della città laniera. Il francobollo emesso lo scorso 22 febbraio da Poste Italiane raffigura il Cristo alla colonna, unica opera su tela di Bramante, verrà annullato da ben 2 timbri. Due anche le cartoline sulle quali sarà apposto il francobollo, una emessa dal Comune, raffigurante la medaglia del Caradosso, mentre la seconda emessa dalla Pro Loco porta la veduta della casa di Cà Melle ripresa da un’incisione del ‘700.

A ricordare Bramante anche la compagnia teatrale dialettale locale, composta da sole donne, “Emma da 8 Nasi”. “Emma da 8 Nasi” proporrà la commedia in 2 atti: “Donin de che Melle” (Donnino, diminutivo di Donato, di “Ca’ Melle”). Lo spettacolo, che prende spunto da letture storiche incorniciate dalla fantasia dell’autrice, vedrà l’artista fermignanese proiettato ai giorni nostri, nelle strade di Fermignano, ripercorrerà la sua vita, arrivando poi, ai fiorenti periodi milanesi e romani. La prima è per venerdì 11 alle 21 presso il salone comunale, con replica il giorno successivo. L’intera compagnia dialettale tiene a precisare che “tutto l’incasso sarà devoluto in beneficenza alle famiglie con componenti diversamente abili e agli istituti presenti nel nostro territorio”.

Domani, 8 aprile, Matteo Giardini terrà una conferenza, presso la sala Monteverdi alle ore 21, dal titolo “Bramante Poeta, dritto e rovescio delle calze”. Giardini animerà la serata leggendo e commentando i 25 sonetti composti dall’artista. Sonetti burleschi e di amore, che danno una rappresentazione satirica della sua vita. Evento da non perdere, replicato dopo il grande successo ottenuto all’Unilit.

Un ringraziamento alla cittadinanza, al comitato e all’Imab di Fermignano (che ha donato 110 sedie completando così il lavoro di ristrutturazione della Sala Monteverdi), viene dal sindaco di Fermignano Giorgio Cancellieri, che invita tutti quanti ad intervenire, annunciando che saranno i primi di altri grandi eventi che la città organizzerà per ricordare e celebrare il Bramante. Ricorda, con orgoglio, che un omaggio a Donato Bramante entrerà in tutte le case, grazie alla copertina di “Elenco Si” proprio dedicata a questo genio del Montefeltro.

 

LE FOTO

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>