Premio Giovani, ride il Fano. Per la Vis un’altra possibile beffa stagionale

di 

8 aprile 2014

Giacomo Ridolfi toccato duro foto Gianluca Guidi

Giacomo Ridolfi toccato duro, osservato da Giovanni Dominici. Foto Gianluca Guidi

PESARO – Possibile beffa, l’ennesima della stagione, per la Vis Pesaro. Il Dipartimento Interregionale ha monitorato le squadre partecipanti al campionato Serie D per stilare una classifica dei club che dall’inizio di ogni gara schierano in campo i calciatori classe ’93, ’94, ’95, ’96, ’97 oltre la quota obbligatoria. Più ragazzi juniores sono in campo e più punti acquisiscono le società. La regola abbraccia gli italiani, i comunitari ed extracomunitari, tesserati a titolo definitivo o temporaneo. In palio per le squadre più virtuose nell’utilizzo dei giovani ci sono ben 450.000 euro messi a disposizione dalla Lega Nazionale Dilettanti, 50.000 per ogni girone, 25.000 per la prima classificata, 15.000 per la seconda e 10.000 per la terza. Nel girone F la classifica premia la Jesina (2020 punti) con 25 mila euro e, al secondo posto, l’Alma Fano con 1911 punti  e 15 mila euro. Al terzo posto Recanatese e Vis Pesaro, a pari merito, con 1456 punti. La Vis Pesaro, ormai solo matematicamente “appesa” ai playoff, potrebbe vedersi scivolare in mano anche questo premio: in caso di parità, infatti, il regolamento premia chi non retrocede (e la Recanatese è in zona rischio) ma anche chi copre tutti i campionati con il proprio settore giovanile (e qui Vis e Recanatese dovrebbero essere pari) e chi è meglio classificato nella Coppa Disciplina per la stagione 2013/2014. E qui, purtroppo, in casa biancorossa rischiano di pesare non poco le multe (1700 euro complessive, contro i 700 subite dalla Recanatese) beccate per il lancio di fumogeni e petardi nelle ultime partite più la diffida presa per il presunto coro razzista sentito dall’arbitro a Jesi. Senza contare le espulsioni subite sul campo: 6 per la Vis, 4 per la Recanatese. Insomma, una possibile beffa nella beffa per la Vis che anche per recuperare la terza posizione ha spesso inserito nella formazione titolare più under di quelli obbligatori.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>