Robur, aspettando sabato grande vittoria contro Ornavasso. Tutte le foto della partita

di 

9 aprile 2014

10° RITORNOROBUR TIBONI URBINO – OPENJOMETIS ORNAVASSO 3 – 1

( 26 – 24; 21 – 25; ; 25 – 23; 25 – 16)

ROBUR TIBONI URBINO URBINO: Santini 10, Leggs 13, Kostic 6, Negrini 23, Thibeault 17, Brcic 3 Carocci L , Escobar 6 Casoli 1 n.e. Giombetti , Guidi , Zecchin , All. Micoli – 2° All. Santarelli

OPENJOBMETIS ORNAVASSO: Ikic 11, Tasca 10, Signorile 4, Tom 14, Pisani 5, Muresan 21, Ghilardi L, Chirichella 1, Prsa Non entrate: Bacciottini , Montano Lucumi 1 Gloder , All. Bellano.

Arbitri Valeriani, Frapiccini.

NOTE Spettatori 580 circa. Incasso 781 Durata set: 31’, 28 , 29’ 23’ tot. 91’. ROBUR TIBONI URBINO battute sbagliate 11, vincenti 3, muri 14, 6ª linea 7, errori 15 OPENJOBMETIS ORNAVASSO b.s. 2 b.v 2 muri 16 2ª linea 12, e. 19

URBINO

Grande ed importante vittoria, nello scontro diretto per la conquista dell’ottavo posto, utile per l’accesso ai Play off. I giochi si definiranno comunque sabato, dopo l’ultima di campionato. Avvio di incontro con Urbino che è costretta ad inseguire il vantaggio della formazione di Ornavasso arrivata ad Urbino con il desiderio di mantenere l‘ottavo posto in classifica utile alla conquista dei play off in questo strano campionato. Le aquile ducali si sono trovate a rincorrere e gli stessi errori visti a Forlì non vengono perdonati da Ornavasso. Leggs e Thibeault con grande determinazione, dietro il sorriso, assieme al ‘super’ capitano Negrini, riescono a mettere in difficoltà la Openjobmetis. Il punto segnato sul 22 . 23 ha visto protagonisti i Fedelissimi, che hanno iniziato ad aumentare il ritmo dei cori. La difesa, l’ingresso si Escobar a metà set hanno dato una svolta al parziale. Il 23 – 24 segnato da Negrini non solo ha annullato il set point, ma ogni velleità della api della Openjobmetis. Negrini al servizio, Santini in prima linea e i tre punti hanno decretato la vittoria del parziale ai vantaggi

Secondo set in ricorsa continua, per le Aquile Ducali, dopo che ornavasso si avvia al cambio di campo con ‘il dente avvelenato’. Urbino mette in mostra azioni da manuale di pallavolo, sia in ricezione così come in difesa e contrattacco, poi azioni impreviste, frutto di distrazioni non permettono di recuperare la differenza oltre alle due distanze. Ornavasso rimane sempre avanti e si aggiudica il secondo parziale.

Terzo set che per i malati di cuore non sarebbe stato favorevole. L’equilibrio e gli alti e bassi di gioco si sono susseguiti punto dopo punto, Kostic è rientrata a metà del parziale. Urbino appare però non solo fallosa, ma poco determinata e convinta di potere conquistare il set e l’incontro. Ogni pallone viene giocato al limite dei nervi, fin quando una vistosa disattenzione arbitrale dopo il time out tecnico vede Micoli protagoniste di proteste e conseguentemente di un’ammonizione. Forse questo episodio ha segnato il passo sulla prosecuzione dell’incontro . il terzo set è proseguito con un atteggiamento differente, come se gli animi si fossero distesi alla ricerca del riscatto definitivo, anche dopo le umiliazioni ad opera delle stesse giocatrici della Openjobmetis, dopo l’eliminzaione in Coppa Italia. Ogni palla è stata difesa, gli attacchi sono stati maggiormente ‘osati’, e punto dopo punto Urbino è stato avanti, dal 20 – 18, si è arrivati al 22 – 21, fino alla chiusura di tre punti consecutivi che non hanno lasciato scampo a Muresan e Signorile.

Il quarto set è la coda del terzo. Le Aquile ducali ci credono, ogni palla viene giocata al limite delle possibilità, addirittura Leggs riesce a fare punto su una difesa, I Fdelissimi ci credono, esattamente come Carocci, Santini, Kostic, rientrata nel terzo set, la stessa Brcic che cerca sempre più le due centrali nordamericane. Urbino va avanti implacabile, fino il 16 – 5. La Openjometis prova a recuperare, alcune decisioni arbitrali discutibili fanno vacillare la determinazione delle aquile ducali, ma dal 21 – 13 Negrini ci mette ‘lo zampino’, seguita dai muri di Brcic e Leggs, tianto che l’ultimo punto, quella della vittoria dell’incontro, è il frutto di un attacco fuori della Openjometis.

M. Novella Ferri

TUTTE LE FOTO FIRMATE ANDREA CECCARINI (clicca per ingrandire)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>