“Sassonia Sud completamente abbandonata: un problema del fare”

di 

9 aprile 2014

Alessandro Fichera* 

 

A Fano, ormai lo sappiamo, più si abita distanti dal centro e più diventa frequente essere dimenticati dall’amministrazione comunale. Anche vicino al Palazzo esistono ugualmente casi conclamati di abbandono totale. Tra i più eclatanti c’è sicuramente tutta la parte di Sassonia Sud.

Sebbene la Sassonia centrale sopravviva a stento con un arredo risalente a qualche decennio fa, e resista soprattutto grazie alle iniziative singole dei vari operatori, già all’altezza della spiaggia libera ci si accorge del peggioramento. Non sono bastate decine di assemblee pubbliche tra i cittadini e La giunta Aguzzi per risolvere i problemi anche più spiccioli. Da 10 anni ogni volta tanto parlare ma nulla di fatto al punto che furono raccolte dal comitato locale 1200 firme di residenti per smuovere le acque. Si ritrovano spesso ancora con l’acqua in casa ma dobbiamo ridare loro più d’una semplice speranza.

 

 

 

Sarà strategico prendersi cura di questa zona nei prossimi anni per allargare l’offerta turistica e contemporaneamente dare benefici ai residenti. Interventi mirati di cura del quartiere e un raccordo adeguato alla parte più attrezzata. L’immagine della nostra città deve avere una cartolina di presentazione accattivante . Bisogna migliorare l’illuminazione di tutto il quartiere, dare vita alla zona vicino al cavalca ferrovia e sotto il sovrappasso stradale, tagliare i fusti pubblici e privati intimando i proprietari dei terreni incolti, delimitare i parcheggi, aumentare i passaggi degli autobus negli orari di lavoro e sulla statale verso le Poste e finalmente decidere la riqualificazione dell’ex go-kart dove può nascere un parco urbano attrezzato e impianti sportivi o per lo svago.

 

 

 

Insomma un progetto complessivo perché sembra che la vicinanza premiante sia quella fortuita nei confronti dell’influenza a macchia di leopardo dell’amministrazione. Al posto del promesso sottopasso in via del Bersaglio, per il quale è stato impegnato un progetto preliminare senza via d’uscita, abbiamo degli appartamenti. Le ultime benvenute concessioni di spiaggia sono nate in una zona deserta di servizi e attrezzature ad eccezioni delle iniziative esclusivamente private.

 

L’erosione della costa in viale Ruggeri è quindi solo la cosiddetta punta dell’iceberg. La Regione ha stanziato 3milioni di euro che probabilmente non bastano ad oggi in quanto la previsione risale a qualche anno fa. I problemi veri si affrontano seriamente soprattutto in termini economici. La Giunta Aguzzi non ha un progetto esecutivo chiaro da presentare e soprattutto non partecipa alle spese. Riserva invece 400mila euro a bilancio per il nuovo ponte ma ignora che la stessa cifra avrebbe potuto sbloccare molto prima la pratica.

 

 

 

Carloni come consigliere regionale presenta una mozione generica in regione il 24 marzo, a solo 2 mesi dalle elezioni comunali, e soprattutto dopo la riunione del 4 marzo quando l’Assessore Regionale Giorgi aveva già ufficialmente comunicato alla delegazione fanese la disponibilità dei fondi per gli interventi strutturali a difesa di viale Ruggeri e della Spiaggia di Sassonia fino al Porto. I residenti sanno pesare facilmente questo atteggiamento di convenienza .

 

 

 

Anche per gli interventi ordinari come ripascere la spiaggia con i sassi fino ai Bagni Sergio diventa problematico. il Comune, pur avendo già in cassa oltre 100mila euro stanziati dalla Regione, ha trovato parecchi ostacoli burocratici per organizzare l’intervento con i tempi necessari alla stagione balneare.

 

 

 

A Fano è arrivato il momento di fare le cose utili al futuro della nostra città. Sarà il 25 Maggio il giorno dell’opportunità di Cambiare Verso A Fano con il Partito Democratico rinnovato e Massimo Seri sindaco.

*Delegato dell’Assemblea Comunale del Partito Democratico di Fano, Coordinatore Comitato per Renzi “RinnoviAMO FANO. Adesso!”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>