Sbk ad Aragon: Rea comanda la prima giornata, 5° Giugliano 6° Melandri

di 

11 aprile 2014

Jonathan Rea (Honda) ha chiuso al comando la prima giornata di prove al MotorLand Aragon, teatro del secondo round della stagione 2014. Il pilota inglese, già al vertice nella prima sessione, si è riconfermato davanti a tutti grazie al tempo di 1’58.180 ottenuto nel finale del secondo turno di libere, precedendo di 237 millesimi il Campione del Mondo in carica Tom Sykes (Kawasaki), che gli aveva soffiato la prima posizione poco prima.

La Honda di Rea davanti a tutti oggi ad Aragon

La Honda di Rea davanti a tutti oggi ad Aragon

Terzo posto per un altro britannico, Chaz Davies (Ducati), in netta risalita negli istanti conclusivi del turno, seguito da Loris Baz (Kawasaki) e dal compagno di squadra Davide Giugliano. Non migliorano i due piloti ufficiali Aprilia Marco Melandri e Sylvain Guintoli, rispettivamente sesto e settimo al termine.

Davide Giugliano con la Ducati è 5° nel primo giorno di prove ad Aragona

Davide Giugliano con la Ducati è 5° nel primo giorno di prove ad Aragon

Ai margini della top-10 Eugene Laverty (Suzuki), Leon Haslam (Honda) e Niccolò Canepa (Ducati). L’ex protagonista della STK1000 è stato di nuovo il più veloce della classe EVO, riuscendo a scendere sotto al muro dei due minuti nonostante una caduta nel finale di sessione, alla curva 16.

Ottime prestazioni per Claudio Corti (MV Agusta), 13° e Leon Camier (BMW, 14°. Il pilota del Kent, al debutto stagionale, ha stupito in positivo in sella alla BMW S 1000 RR EVO del Team BMW Motorrad Italia.

I tempi: 1. Rea (Honda) 1’58.180 media 162.789 km/h; 2. Sykes (Kawasaki) 1’58.417; 3. Davies (Ducati) 1’58.575; 4. Baz (Kawasaki) 1’58.579; 5. Giugliano (Ducati) 1’58.717; 6. Melandri (Aprilia) 1’58.763; 7. Guintoli (Aprilia) 1’58.855; 8. Laverty (Suzuki) 1’58.971; 9. Haslam (Honda) 1’59.103; 10. Canepa (Ducati) 1’59.861; 11. Lowes (Suzuki) 2’00.309; 12. Elias (Aprilia) 2’00.480; 13. Corti (MV Agusta) 2’00.749; 14. Camier (BMW) 2’00.966; 15. Salom (Kawasaki) 2’01.032; 16. Guarnoni (Kawasaki) 2’01.076; 17. Badovini (Bimota) 2’01.463; 18. Foret (Kawasaki) 2’01.511; 19. Morais (Kawasaki) 2’01.801; 20. Toth (BMW) 2’02.672; 21. Iddon (Bimota) 2’02.709; 22. Fabrizio (Kawasaki) 2’02.716; 23. Scassa (Kawasaki) 2’03.138; 24. Andreozzi (Kawasaki) 2’03.217; 25. Yates (EBR) 2’04.075; 26. Sebestyen (BMW) 2’05.570; 27. May (EBR) 2’05.593.
 
Mondiale Supersport

Il secondo turno di prove libere del Mondiale Supersport si è svolto in condizioni di pista ideali, che hanno permesso a molti dei piloti impegnati nella competizione di migliorare i tempi fatti segnare in mattinata. Grazie ad un giro perfetto prima della bandiera a scacchi, completato in 2’02.462, Jules Cluzel (MV Agusta), attuale capo classifica WSS, ha chiuso al comando della sessione pomeridiana

I tempi: 1. Cluzel (MV Agusta) 2’02.461 media 157.098 km/h; 2. Coghlan (Yamaha) 2’02.480; 3. Vd Mark (Honda) 2’02.684; 4. Marino (Kawasaki) 2’03.055; 5. Zanetti (Honda) 2’03.160; 6. Sofuoglu (Kawasaki) 2’03.173; 7. Jacobsen (Kawasaki) 2’03.362; 8. Wilairot (Honda) 2’03.875; 9. Russo (Honda) 2’03.907; 10. Kennedy (Honda) 2’04.042; 11. De Rosa (Honda) 2’04.226; 12. Menghi (Yamaha) 2’04.382; 13. Tamburini (Kawasaki) 2’04.519; 14. Bussolotti (Honda) 2’04.638; 15. Leonov (MV Agusta) 2’04.695 .

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>