Superfast Boriassi evita altre beffe con Trevi, ma la sconfitta di Perugia a Pagliare è un pieno di bile per il Volley Pesaro

di 

13 aprile 2014

VOLLEY PESARO – LUCKY WIND TREVI 3 – 1
VOLLEY PESARO: Spadoni ne, Carraro 3, Boriassi 18, Micheletti, Zuccarini 19, Natale ne, Fiesoli 6, Salvia 10, Micheletti (L). Trinci, Sacchi 1, Gioia 15. All. Bertini
LUCKY WIND TREVI: Alikaj 8, Monaci ne, Nencioni ne, Capezzali 15, Pietrolati 6, Uti, Barbolini 5, Rocchi (L), Meniconi, Argentati 12, Silvestri 8. All. Sperandio
ARBITRI: Marta Mesiano e Paolo Libardi di Bologna
PARZIALI: 25-22; 24-26; 25-19; 25-19 in 107 minuti
STATISTICHE SQUADRAPESARO: Battute vincenti 10, battute sbagliate 12, muri fatti 13, subiti 7. TREVI: Battute vincenti 10, errori 5, muri fatti 7, muri subiti 13
NOTE: spettatori 300 circa. Il PalaSnoopy, che festeggiava i 10 anni di vita, era tutto esaurito. In vendita le campane di cioccolato dello Iopra, l’Istituto Oncologico Pesarese Raffaele Antoniello

Giada Boriassi, Mvp della serata (dalla pagina Facebook di Volley Pesaro)

Giada Boriassi, Mvp della serata (dalla pagina Facebook di Volley Pesaro)

PESARO – Clamoroso a Spinetoli: cade la capolista Perugia e la Lardini Filottrano balza solitaria in vetta alla classifica. Un risultato che fa aumentare la bile in casa Volley Pesaro, che supera la Lucky Wind Trevi senza offrire una pallavolo degna di essere ricordata, se si escludono la prova complessiva di Giada Boriassi e, a turno, quelle di Zuccarini e Gioia. Resta che senza il clamoroso omaggio di domenica scorsa a Figline Valdarno, stasera Pesaro sarebbe addirittura seconda. Dimenticando volutamente, per evitare di ricorrere a una dose mai vista di Maalox, la sconfitta casalinga con Loreto.

Sarebbero stati playoff certi, mentre adesso per raggiungerli sarà necessario vincere a Casette (domenica 27 aprile, perché nel prossimo fine settimana il campionato di volley di serie B1 osserva il riposo pasquale) e ripetersi sei giorni dopo con Olbia, al PalaCampanara.

Certo, per puntare alla seconda fase il Volley Pesaro dovrà offrire di più, tanto di più, di quel che le è bastato per difendere il campo amico dal sogno di Trevi di imitare il Valdarno Volley che domenica scorsa ha guadagnato un punto prezioso portando le pesaresi al tie-break.

La vittoria (3-1) è indiscutibile, ma ci piace commentare il successo con una frase di un grande appassionato: “Ma come si può giocare alla pari con Trevi, con tutto il rispetto!”. Il problema è che si era giocato alla pari anche la gara di andata, finita al tie-break. E la partita di ritorno ha rischiato di concedere il bis…

PRIMO SET

Ospiti in evidenza (1-4) e avanti 6-8, poi rimonta pesarese spinta da una micidiale Zuccarini che metteva a terra il 25° punto con un pallonetto precisissimo, vanificando la rimonta trevana che aveva fissato il 21-22 pari (dopo il 6-8 e il 16-13). Pesaro non aveva alternative alla fanese, perché ancora una volta Fiesoli sparava alla luna, chiedendo agli arbitri il tocco – inesistente – di muro o mani. Per fortuna che Bertini trovava valide alternative con l’implacabile fast di Boriassi, forse alla migliore prova in stagione. I suoi attacchi colpivano a piacimento, mentre nel finale era propizio un turno al servizio di Giulia Carraro, sostenuta da tre punti finali di Gioia, Salvia e Zuccarini (splendido pallonetto) per il 25-22 in 25 minuti. 4 i punti di Boriassi, 8 Zuccarini, 1 Fiesoli, 3 Salvia, 2 Gioia 2.

SECONDO SET

Ancora un buon inizio umbro (1-4) e immediata risposta locale (6 pari con primo muro di Carraro). Ma vantaggio quasi sempre esterno, dal 15-16 al 19-20, quando un muro di Boriassi e un ace di Sacchi ribaltano il punteggio: 22 a 20 prima, 23-21 poi. La Lucky Wind sapeva cogliere il vento giusto, prima che fortunato, infilando un 5-1 che annichiliva le ragazze di Bertini, che vedevano il fantasma di Figline Valdarno. Sul 24-26 per Trevi, Carraro 1, Boriassi 4, Zuccarini 2, Fiesoli 1, Salvia 1, Sacchi 1 e Gioia 7; per le pesaresi, 4 ace, 6 battute sbagliate, 4 muri fatti, 6 errori offensivi.

TERZO SET

Una Boriassi che attaccava con inarrestabili fast che piacerebbero alla compagnia marittima greca, la Superfast Ferries, trascinava Pesaro al successo che Trevi non contrastava più malgrado le invenzioni di Pietrolati. Carraro 1, Boriassi 6, Zuccarini 2, Salvia 3, Gioia 5. 2 ace, nessuna battuta sbagliata, 2 muri fatti, 3 subiti; 6 errori in attacco (4 Fiesoli).

QUARTO SET

Pesaro faceva subito il break, che difendeva con una Fiesoli finalmente protagonista (ma domani potrete leggere un’intervista coach Bertini che sostiene con grande passione il capitano, che a nostro parere avrebbe meritato un passaggio in panchina). Si assisteva anche a un errore arbitrale, subito corretto, per mancanza di errore di formazione. In verità, un errore – a cui s’aggiungono numerose invasioni – rilevato più volte dalla coppia felsinea. Avanti 5-1, il Volley Pesaro si faceva riprendere (6 pari), ma dal 16-12 in poi concedeva ben poco ed era Salvia a chiudere, confermando l’importanza delle centrali nella serata in cui le bande sono andate a corrente alternata o non hanno inciso proprio. Nel parziale, Carraro 1, Boriassi 4, Zuccarini 7, Fiesoli 4, Salvia 3, Gioia 1; ace 2, battute sbagliate 3; muri fatti 4.

Gli altri risultati della 23^ giornata

Giocate sabato
Alfieri Cagliari – Angeli del fango Olbia 0-3 (17-25; 13-25; 18-25)
Fortitudo Città di Rieti – Azzurra Casette 0-3 (22-25; 22-25; 21-25)
San Michele Firenze – Lardini Filottrano 0-3 (24-26; 10-25; 23-25)
Lmd Group Pagliare – Gecom Security Perugia 3-1 (13-25; 25-21; 25-23; 25-22)
Volley Loreto – Edil Rossi Bastia 3-2 (12-25; 21-25; 25-15; 25-21; 15-12)

In programma domenica
ore 17,30: Todi Volley – Valdarno Volley

La classifica

Filottrano 55
Perugia e Olbia 52
Pesaro 51
Casette 48
Bastia 44
Firenze 32
Loreto 29
Rieti 23
Pagliare 25
Todi e Trevi 22
Figline 16
Cagliari 9

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>