Urbino, finisce qui: Piacenza vince anche gara 2 ma la giovane Robur Tiboni esce dai playoff a testa alta. Tutte le foto di Ceccarini

di 

14 aprile 2014

ROBUR TIBONI URBINO – REBECCHI NORDMECCANICA PIACENZA 0 – 3

( 13 – 25; 13 – 25; 20 – 25)

ROBUR TIBONI URBINO URBINO: Brcic 1, Santini 1, Leggs 8, Kostic 2, Negrini 9 , Thibeault 5, Carocci (L) Giombetti , Guidi , Escobar 3 n.e. Zecchin, Casoli All. Micoli – 2° All. Nibbio

REBECCHI NORDMECCANICA PC:Leggeri 7, Van Hecke 14, Meijners 16, De Kruijf 9, Ferretti , Bosetti 12, Sansonna L, Bramborova , Vindevoghel , Valeriano Non entrate: Poggi L , Caracuta , Manzano All. Caprara.

Arbitri Zanussi , Florian.

 

NOTE Spettatori 730 circa. Incasso 1876 Durata set: 24’, 23’, 26’ tot. 73’. ROBUR TIBONI URBINO battute sbagliate 4, muri 5, 2ª linea 5, errori 10 REBECCHI NORDMECCANICA: battute sbagliate 5 battute vincenti 6 muri 5 2ª linea 9, e. 18

 

SUPER SELFIE per Negrini

SUPER SELFIE per Negrini

URBINO – Partita di commiato dal pubblico locale, per le Aquile Ducali, per questa stagione ricca di insidie e incertezze da tutti i punti di vista. L’obiettivo salvezza è stato centrato ancora prima della fine della regular season, mentre l’ultima settimana di campionato ha confermato il valore di una formazione giovane, anagraficamente, ma molto battagliera nei momenti determinanti della stagione.

Le aquile ducali hanno pagato lo ‘scotto’ della stanchezza fisica e pressioni psicologiche dell’ultima settimana, quando sull’asse tra Forlì , Ornavasso , Frosinone si è decisa la partecipazione ai Play off, contro però una formazione altamente quotata e con un organico di notevole valore. I primi due set hanno visto Piacenza fare il proprio gioco in tutta tranquillità. Urbino ha messo in mostra un atteggiamento apparentemente dimesso. La ricezione è stata messa a dura prova dai servizi, volutamente forzati, delle piacentine. Meijners e Van Hecke hanno segnato il passo. Solo nel corso del terzo parziale Urbino è partita avanti, cercando di imporre il proprio servizio e contrattacco. Leggs e Thibeault hanno provato a rialzare la testa, mentre Capitan Negrini, in più di un’occasione ha cercato di utilizzare a proprio vantaggio le mani del muro avversario. L’equilibrio c’è stato fino al time out tecnico, poi il servizio di Meijners (due ace) ha bloccato ogni tentativo di velleità. L’avventura, per quest’anno, si conclude. Il futuro si presenta punti interrogativi che presto troveranno una risposta.

M. Novella Ferri

LE FOTO DI ANDREA CECCARINI (CLICCA PER INGRANDIRE): 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>