Ippaso scrive a Ricci: “Perché criticare l’avversario politico? Parliamo di contenuti e proposte”

di 

18 aprile 2014

Davide Ippaso

 

Caro Matteo,

ti scrivo questa lettera precisando che la spedisco al Presidente della nostra Provincia nonchè al candidato Sindaco del PD e non all’uomo Matteo Ricci.

Mi spiace leggere alcune tue affermazioni durante gli incontri pubblici come “se questi sono i miei avversari politici vinco al primo turno” ovvero “con un centrodestra ai minimi storici…”.

Credo che il rispetto del proprio avversario politico sia alla base della buona educazione e deridere la controparte sia veramente poco simpatico e denoti quell’arroganza e quella prepotenza che contraddistingue molti personaggi di quel gruppo politico che tu rappresenti e che governa indisturbato la nostra città da ben 69 anni.

Davide Ippaso

Davide Ippaso

Sarebbe bello iniziare ad assistere ad una diatriba politica sui contenuti, sulle proposte, sui progetti a medio/lungo termine per ridestare una città che sta, lentamente ma inesorabilmente, implodendo, ma che ancora si autocompiace come se vivesse negli anni del benessere.

Mi piacerebbe percepire da parte tua una vera voglia di cambiamento, ma un cambiamento concreto volto a rompere quelle catene clientelari che stanno soffocando Pesaro e che il tuo Partito ha saputo tessere in decenni di monopolio politico “indisturbato” (si capiscono adesso le radicali scelte di campo di alcuni personaggi politici locali..).

Vedi Matteo, il tuo criticare l’avversario politico, invece di continuare serenamente per la tua strada, mostra anche una reale paura di non riuscire nel tuo intento e a noi della coalizione della Roberta Crescentini (9 liste affiliate e con un centrodestra unito come non mai e non ai minimi storici come tu dici…) questo da ancor più carica e il convincimento che siamo, forse, ad una svolta epocale..

A te auguro il mio migliore in bocca al lupo e che vinca il migliore, ma con la promessa che, chiunque esso sia, veglierò affinchè persegua veramente le promesse fatte e che esse non siano le solite parole al vento pre elettorali.

Tutto questo lo dobbiamo a coloro che non hanno il lavoro, a quelle famiglie che arrivano con difficoltà alla fine del mese e a quelle che non ci arrivano proprio, a chi il lavoro non lo trova, a chi ha dovuto riconsegnare alle banche le proprie abitazioni perchè non riusciva a pagare il mutuo della casa, alle imprese in crisi, a chi è arrivato alla soglia di povertà….

Come vedi Caro Matteo credo ci siano cose più importanti della derisione del proprio avversario…

 

Un commento to “Ippaso scrive a Ricci: “Perché criticare l’avversario politico? Parliamo di contenuti e proposte””

  1. […] Ippaso scrive a Ricci: “Perché criticare l’avversario politico? Parliamo di contenuti e… sembra essere il primo su […]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>