“Ma la Regione vuole fare l’ospedale?”

di 

19 aprile 2014

 

PESARO  – Per descrivere la singolar tenzone fra il Governatore della Regione Marche ed il Sindaco di Pesaro seguirò la traccia della canzone di Franco Battiato “Bandiera bianca”. Per chi non conoscesse questa canzone del musicista siciliano, diremo che, fin dal suo inequivocabile titolo, Battiato desidera esprimere la sua resa di fronte alle nefandezze politiche. “Bandiera bianca”, appunto. Chi scrive questo pezzo ha vissuto la delusione del mancato realizzarsi del “sogno rivoluzionario” degli anni ’60.

Liberi X Pesaro

Liberi X Pesaro

Di sponda in sponda, ha poi raggiunto l’ultima utopia (speriamo non sia un’illusione o una chimera), rappresentata da Matteo Renzi. A livello locale, è un convinto sostenitore di Matteo Ricci. Disbrigate le formalità di presentazione, veniamo al nostro Governatore e al nostro Sindaco. Leggendo le loro due interviste, che si sono succedute sulla stampa locale, viene da pensare al brano di “Bandiera bianca” che dice: “Quante squallide figure che attraversano il Paese, com’è misera la vita negli abusi di potere …”. Ma come, non appartenete allo stesso partito? Rimettere in discussione il sito per il nuovo ospedale (Fosso Sejore) vuol dire ricominciare tutto da capo? Ma lo sanno in Regione che i pesaresi (e i fanesi) aspettano un nuovo ospedale da almeno 30 anni? Su, “Mr. Tamburino” (parafrasando il testo della canzone), noi pesaresi non abbiamo voglia di scherzare. Pesaro e Fano hanno diritto ad un ospedale nuovo ed anche unico. Quello dell’ospedale unico è la questione delle questioni di Pesaro e di Fano. Considerata la carenza di fondi statali e regionali occorre che la Regione Marche si convinca che è necessario investire sull’azienda Ospedali Riuniti Marche Nord. E’ giusto che, per qualche anno ancora, la Regione lavori su tre ospedali aumentandone le risorse. I disagi ed i disservizi che pesaresi e fanesi stanno sopportando, devono cessare. Matteo Ricci sembra essere il candidato sindaco capace di portare i nostri problemi sui tavoli dove si decide. Una cosa è certa, i pesaresi non faranno come ha fatto Franco Battiato nella sua canzone, non alzeranno “Bandiera bianca”. Quando fra un mese le chimere dell’agone politico saranno cessate, continueranno a chiedere ai loro rappresentanti politici di rendere il conto del loro operato su di una causa, giusta, di una comunità di cittadini che non vuole essere di serie B. Pesaresi e fanesi non dovranno più sentirsi discriminati. Gli elettori sanno che “ … i tempi stanno per cambiare …).

 

 *Candidato al C.C. per la lista “Solidarietà – Liberi x Pesaro”

Un commento to ““Ma la Regione vuole fare l’ospedale?””

  1. ale scrive:

    venti anni fa si era fatto addirittura il progetto per un ospedale nuovo a pesaro….ad un sindaco e suoi seguaci non era piaciuto il sito e allora via niente da fare…..
    io credo che fosso sejore sia il posto peggiore dove fare un ospedale….deturpare un posto verde una vallata stupenda solo per questioni meramente di distanza fra le poltrone dei sindaci….se un ospedale ha delle eccellenze che sia a fa o sia a pesaro ai cittadini non dovrebbe importate troppo!!!
    l importante è ce funzioni…..

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>