Nardelli: “Bene il turismo sportivo, ma alberghi e arredi urbani non sono consoni”

di 

22 aprile 2014

Massimiliano Nardelli, Scelta Civica

Massimiliano Nardelli, Scelta Civica

Massimiliano Nardelli*

PESARO – Bene il turismo sportivo, soprattutto nei periodi di bassa stagione, ma occorre recuperare e sviluppare, nei prossimi 5 anni, una forte progettualità di qualità tra l’Amministrazione comunale, gli operatori del settore e l’intera città.

Per prima cosa occorre continuare il percorso cominciato in consiglio comunale, riguardo alla riqualificazione delle strutture alberghiere che ha portato imprenditori turistici della nostra città ad operare ingenti investimenti che non possono essere vanificati però da un’offerta turistica inadeguata e dai soliti problemi infrastrutturali ancora irrisolti.

E’ ormai pensiero comune, ed i fatti purtroppo lo dimostrano, che gli arredi urbani della zona mare e del centro storico non sono consoni ad una località turistica, come deve essere considerata la nostra città, che ogni anno, in fase di avvio (periodo Pasquale, ponte del 25 aprile e del 1 maggio), non riesce mai neppure ad essere pronta e presentabile ai turisti. Occorre investire maggiormente sulla promozione, anche via web, per valorizzare il nostro territorio e le sue bellezze naturali per recuperare un’immagine della città ormai fortemente appannata e datata. Bisogna porre al centro dell’attenzione il turismo culturale, incentivando l’apertura e la frequentazione degli spazi museali, dei palazzi di pregio esistenti, anche ricorrendo al volontariato ed usufruendo dell’apporto importante delle guide turistiche, con una maggiore presenza nell’ambito del Distretto Evoluto delle Marche.

Occorre in definitiva fare vero sistema tra pubblico e privato per determinare il salto di qualità dell’offerta turistica nel suo complesso che deve essere basata sulle direttrici mare-arte-cultura-enogastronomia.

Anche in questo settore – conclude Nardelli – l’apporto finanziario della Regione, ente preposto a fare promozione turistica, è stato, in questi anni, assolutamente insufficiente. Poche sono state le risorse economiche messe a disposizione della nostra città e di conseguenza iscritte a bilancio comunale e poco è stato il sostegno agli operatori turistici, anche balneari, che hanno dovuto sobbarcarsi individualmente i problemi derivanti dalla crisi generale e del settore in particolare. L’obiettivo deve essere di avere una più puntuale presenza pesarese in sede regionale dove viene gestita l’attività promozionale.

*Consigliere comunale, Candidato Lista IoCentro

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>