La Sbk ad Assen: le Kawasaki volano mentre Melandri prova a imitare Biaggi. Il curioso spot di Mediaset, dove le derivate diventano “moto vere”!

di 

23 aprile 2014

Dopo Aragon la Sbk approda ad Assen. E adesso, per favore, basta con l’università della moto! Il Drenthe era un bel circuito: adesso è un circuito. Punto e basta. Il bello è scomparso con le tante modifiche che il tracciato ha subìto dalla sua nascita, nel 1926, ad oggi.

assen

Intanto nel mondiale delle derivate di serie la Kawasaki domina alla grande, in attesa che Aprilia, Ducati e speriamo più avanti Bimota e Mv Agusta dopo aver preso le misure alla categoria, battano un colpo.

Melandri e Giuntoli, con l’Aprilia ex Biaggi, sono rispettivamente in quarta e terza piazza nel Mondiale e hanno sul collo l’alito di Rea con la Honda e di Laverty con la Suzuki.

Con Biaggi in pista era tutta un'altra Aprilia. Melandri ci prova: riuscirà ad arrivare al livello di Max?

Con Biaggi in pista era tutta un’altra Aprilia. Melandri ci prova: riuscirà ad arrivare al livello di Max?

Le Ducati con Davide Giugliano e Chaz Davies (l’amico di Stoner) soffrono, mentre la Mv e la Bimota continuano l’apprendistato.

Questo è lo stato dell’arte nella classe regina delle derivate di serie, nella Supersport, Superstock 1000 e superstock 600 tutti a tifare per i colori italiani. Consola il fatto che Leonardo Marcado, in testa al mondiale Superstock 1000, non è italiano ma corre per il team Barni, italianissimo, mentre il bravo Lorenzo Savadori che è di Cesena ci dà del gas così come il pesarese Giorgi, entrambi in sella alle Kawa del team Pedercini.

Simone Grotzkyj Giorgi

Simone Grotzkyj Giorgi atteso a una grande prestazione ad Assen

E adesso “tutti in piedi sul divano” come diceva il buon Guido Meda dai microfoni di Mediaset ai tempi della MotoGp, ora passati armi e bagagli con Paolo Beltramo, alla Sbk.

A proposito, avete visto che bello lo spot di Mediaset dove lo speaker dice che le Sbk sono “moto vere” e la domanda è d’obbligo: prima cosa erano, biciclette?

 

2 Commenti to “La Sbk ad Assen: le Kawasaki volano mentre Melandri prova a imitare Biaggi. Il curioso spot di Mediaset, dove le derivate diventano “moto vere”!”

  1. Pepe scrive:

    Tutta colpa dei “creativi” (si chiamano così…) di Mediaset. Meda una s…..ta del genere non l’avrebbe mai detta! Bravo Brusco, le Sbk prima di Mediaset erano… Sbk! Non tricicli, sidecar, motorette delle Poste Italiane o furgoncini della catena del freddo! Rob de matt!

  2. smanettone scrive:

    vieni avanti “creativo”…. che roba bella…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>