Sbk ad Assen: Davide Giugliano mette la sua Ducati davanti a tutti

di 

25 aprile 2014

Assen. La prima giornata di prove del mondiale Sbk in Olanda, è stata caratterizzata da una splendida battaglia per le prime posizioni. Dopo numerosi avvicendamenti in vetta nelle fasi conclusive, il secondo turno di prove libere ha visto Davide Giugliano (Ducati) autore di un ottimo tempo (1’35.396), che gli è valso la prima posizione al termine della sessione. Il pilota romano, non contento della prestazione, ha continuato a spingere per migliorarsi, incappando però in una scivolata senza conseguenze all’ingresso dell’ultima variante prima del traguardo.

Davide Giugliano imprendibile con la sua Ducati dopo un bel duello per la prima posizione

Davide Giugliano imprendibile con la sua Ducati dopo un bel duello per la prima posizione

Il crono è soltanto tre decimi e mezzo più lento del record della pista ma ha fatto la differenza in questa prima giornata di prove, con Jonathan Rea (Honda) a seguire con 484 millesimi di distacco e Tom Sykes (Kawasaki, 3° a 750 millesimi. Quarto posto per Alex Lowes (Suzuki), anch’egli finito nella ghiaia a pochi secondi dalla fine, ma in grado nuovamente di farsi vedere nella parte alta della classifica. Il campione in carica del British Superbike, vincitore qui ad Assen lo scorso anno proprio nel BSB, ha preceduto il connazionale Chaz Davies (Ducati Superbike Team), il francese Loris Baz (Kawasaki Racing Team) ed il compagno di squadra Eugene Laverty.

Più in difficoltà i piloti ufficiali Aprilia, Sylvain Guintoli e Marco Melandri, rispettivamente in ottava e nona posizione e non in grado di fare un importante passo avanti in termini di prestazioni rispetto alla mattinata. A completare la top 10 Leon Haslam (Honda).

I tempi: 1. Giugliano (Ducati) 1’35.396; 2. Rea (Honda) 1’35.880; 3. Sykes (Kawasaki) 1’36.146; 4. Lowes (Suzuki) 1’36.219; 5. Davies (Ducati) 1’36.417; 6. Baz (Kawasaki) 1’36.449; 7. Laverty (Suzuki) 1’36.467; 8. Guintoli (Aprilia) 1’36.670; 9. Melandri (Aprilia) 1’36.697; 10. Haslam (Honda) 1’36.709; 11. Canepa (Ducati) 1’37.042; 12. Camier (BMW) 1’37.139; 13. Elias (Aprilia) 1’37.240; 14. Badovini (Bimota) 1’37.436; 15. Morais (Kawasaki) 1’37.638; 16. Iddon (Bimota) 1’37.876; 17. Foret (Kawasaki) 1’38.113; 18. Corti (MV Agusta) 1’38.122; 19. Salom (Kawasaki) 1’38.128;20. Guarnoni (Kawasaki) 1’38.264; 21. Scassa (Kawasaki)

Supersport. La prima giornata si è chiusa con il miglior tempo di Florian Marino (Kawasaki). Il giovane pilota francese è salito al comando negli istanti conclusivi del secondo turno di prove libere di questo pomeriggio, fermando i cronometri sul tempo di 1’38.903. Secondo Vd Mark (Honda) 3° Cluzel (Mv Agusta). Gli altri italiani: Tamburini 7°, Bussolotti 10°, Russo 11°, Zanetti 12°, De Rosa 15°, Gamarino 16° Rolfo 17°Nocco 18°.

Superstock1000. Primo il ceco Jezek (Ducati) davanti al nostro Savadori (Kawasaki) e a Marcado (Ducati).quinto tempo per Massei (Ducati) e ottimo 7° posto per Simone Grotzkyj Giorgi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>