Pcl Pesaro: “Attacchi ipocriti, la violenza vera è altra. A partire da chi tutto l’anno si adopera a sdoganare il fascismo”

di 

27 aprile 2014

Pcl sezione Pesaro

 

PESARO – Consideriamo ipocrita l’attacco mediatico e le condanne, arrivate anche da ambienti antifascisti, nei confronti dei compagni che questo 25 aprile a Fano hanno animato la manifestazione cittadina, colpevoli di aver lanciato due uova contro la sede del centro-destra e di aver bruciato la bandiera di Forza Nuova.
Tutto questo mentre scritte di stampo nazista appaiono davanti alla sede dell’Anpi e alla Sinagoga. Molti tra coloro che oggi accusano i compagni di essere violenti non condannano la violenza (quella sì reale) della società capitalista e durante tutto l’anno si adoperano per sdoganare il fascismo e offendere la memoria della Resistenza partigiana, mettendo sullo stesso piano partigiani e soldati della RSI.

Noi condanniamo il fascismo come uno degli strumenti che il capitalismo ha adottato nel corso della sua sanguinaria storia per reprimere il movimento operaio e le minoranze etniche, religiose, civili e politiche.

Per questa ragione l’antifascismo non è finito il 25 aprile del 1945, ma è vivo e vegeto in tutti i compagni che lottano per un altro mondo e un’altra società, che oggi come 70 anni fa non può che essere il socialismo.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>