Domenica a Bellocchi appuntamento col candidato sindaco Seri. Noi Città: “Non approvando il bilancio, Aguzzi ha scelto di non scegliere

di 

2 maggio 2014

Seri domenica a BellocchiBELLOCCHI – Domenica 4 maggio alle ore 16, presso il parco antistante la piazza “Bambini del Mondo” di Bellocchi, appuntamento elettorale che vedrà la partecipazione del candidato a sindaco Massimo Seri e di altri candidati della coalizione “Fare Città”. I cittadini e la stampa sono invitati: ci saranno momenti di dibattito e presentazioni intervallati da momenti dedicati al gioco per bambini e alla merenda per tutti.

Fare Città è sostenuto dalle liste Noi Città – Seri Sindaco, Partito Democratico, Sinistra Unita, Partito Socialista Italiano, La Fano dei Quartieri e Noi Giovani – Seri per Fano.

Proprio da Noi Città – Seri per Fano, riceviamo una nota in merito alle dichiarazioni di Aguzzi sulla mancata approvazione del bilancio comunale.

“Aguzzi ha fatto la cosa peggiore che un amministratore potesse fare: ha scelto di non scegliere”, la lista civica Noi Città commenta le dichiarazioni del sindaco Aguzzi in merito alla non approvazione del bilancio e mette in guardia i cittadini dai pericoli che questa mancanza di responsabilità comporterà nel prossimo futuro.

L’attuale campagna elettorale e il rischio di perdere consensi hanno indotto il primo cittadino a tirarsi indietro davanti a decisioni importanti per la città, decisioni che il suo ruolo di amministratore lo chiamava a prendere. Di fronte al rischio di scontentare i cittadini e di fare scelte difficili che gli sarebbero costate un calo di visibilità, Aguzzi ha deciso di non occuparsi di questioni scomode come il buco in bilancio di un milione di euro lasciando la futura amministrazione e tutta la città in grave pericolo.

Fano è una città turistica la cui vocazione viene spesso portata a bandiera dei manifesti elettorali delle liste di centrodestra e dallo stesso Delvecchio. E’ fondamentale a questo punto ricordare ai cittadini che la mancata approvazione del bilancio impedirà all’amministrazione che prenderà il posto dell’attuale di investire soldi e risorse nelle attività estive della città. Non solo quindi Fano manca di una programmazione estiva che altre città stanno promuovendo da mesi, senza l’approvazione del bilancio la futura amministrazione rimarrà paralizzata e non potrà garantire nemmeno il ripetersi delle manifestazioni il cui successo si è consolidato nelle passate edizioni. Altre amministrazioni, nelle stesse circostanze, hanno avuto invece il coraggio di portare a termine il loro compito, prendendosi la responsabilità di fare scelte difficili, consci dell’importanza che l’approvazione del bilancio riveste per la comunità.

Le scuse apportate dal primo cittadino a giustificazione di questa mancanza non fanno che peggiorare la situazione: non è serio pensare di chiudere in pareggio un bilancio e di riparare al buco provocato tenendo conto solamente delle entrate straordinarie come possono essere quelle apportate da Aset. Dovrebbe essere superfluo ricordare a chi amministra da due mandati la città che i bilanci comunali vanno redatti facendo affidamento sulle spese ordinarie. Come in una famiglia dove le spese e le entrate che decretano i comportamenti non tengono sicuramente contro di entrate extra.

La mancata decisione in merito rivela anche un altro importante aspetto della questione: Stefano Aguzzi, scegliendo di non scegliere, ammette di essere più che consapevole della sconfitta che subirà alle prossime elezioni comunali. Un primo cittadino che non programma, che non fa scelte, che paralizza l’attività economica della prossima giunta, ha chiaro il risultato fallimentare della sua amministrazione e del candidato che sostiene”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>