Maurizio Gambini è certo: “Sono io il vero rinnovamento”

di 

5 maggio 2014

Maurizio Gambini

Maurizio Gambini

URBINO – “Liberi per Cambiare è una lista composta da persone nuove e con esperienza in politica, alcuni di loro provengono dal viaggio intrapreso nel 2009, persone della società civile che vogliono bene a Urbino e che vogliono cambiare il modo di governare in questa città”. Esordisce così Maurizio Gambini alla presentazione alla stampa della sua lista civica all’interno della coalizione “Adesso Governiamoci” che vede in Gambini il candidato sindaco.

“Nel 2009 – continua – abbiamo ottenuto un risultato insperato e con tutta la minoranza abbiamo fatto un grande lavoro, abbiamo proposto azioni, discusso e analizzato delibere proposte dalla giunta, ma che puntualmente non venivano applicate, anche quando venivano approvate. Abbiamo quindi appurato che chi sta governando ora, e lo fa da 70 anni, se ne frega del consiglio che è la rappresentanza dei cittadini”.

E’ determinato Maurizio Gambini e non risparmia nessuno dei 6 candidati a sindaco: “Io rappresento quel PD rinnovatore di Matteo Renzi, quindi l’unico voto utile è alla coalizione “Adesso Governiamoci”, Maurizio Gambini sindaco con le sue liste collegate. Civiche e partitiche tra le quali Verdi art.9, Forza Urbino (Forza Italia), Nuovo Centro Destra e UDC. Da soli sarebbe impensabile correre per governare questa città. Con molti di loro, anche se di idee differenti, abbiamo intrapreso un percorso in consiglio comunale 5 anni fa. Dalla nostra parte abbiamo i Verdi, nessuno avrebbe mai pensato si sarebbero slegati dal Partito Democratico mettendo a rischio anche le proprie posizioni personali. Quindi ho votate noi o il PD. Tutte le altre sono liste di disturbo scese in campo per poi contrattare una posizione in consiglio, questa è la logica di una vecchia politica che non ci appartiene”.

Gambini con la sua lista “Liberi per Cambiare” continua a incontrare i cittadini lasciando loro il programma e una documentazione sul lavoro di questi 5 anni contenenti 75 interventi fra mozioni e ordini del giorno.

“Maria Clara Muci propone di riorganizzare la macchina comunale in un mese; perché quando noi 2 anni fa l’abbiamo proposto tutti i consiglieri di maggioranza, con il suo assenso, hanno votato contro? Lei può solo dire che intende continuare a governare su questa linea”.

Vittorio Sgarbi come assessore esterno alla cultura? “I Verdi hanno portato un progetto interessante con Vittorio. Faremo di Vittorio il responsabile del patrimonio artistico e paesaggistico. Tutti i candidati dicono di volerlo fare, ma con quali persone e con quali strumenti? Questa è la credibilità che abbiamo messo in campo”.

Maurizio Gambini è certo della coesione del suo gruppo, ricordando come in questi 5 anni anche i non eletti della sua lista, che siede nei banchi della minoranza del consiglio comunale, sono sempre stati coinvolti, facendo incontri pre-consiliari e discutendo assieme sulle azioni da intraprendere.

“Nella nostra coalizione ci sonno persone chiare e coraggiose che vogliono cambiare il modo di governare questa città”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>