Roberta Crescentini presenta la sua squadra: “Abbiamo puntato sulla qualità più che sulla quantità”

di 

5 maggio 2014

Roberta Crescentini

Roberta Crescentini

PESARO – Roberta Crescentini ha presentato la sua squadra. Il candidato sindaco di Pesaro, che ha coagulato attorno a sé otto liste di centrodestra, stamane ha svelato il 23 candidati in Consiglio comunale. “Ci sono liberi professionisti, studenti, disoccupati, pensionati, insegnanti ed imprenditori – ha spiegato il candidato di Siamo Pesaro – in una squadra molto eterogenea. Volevamo ricoprire tutte le classi sociali della città e ci siamo riusciti. Dall’altra parte ci sono liste di 32 nomi, il massimo consentito. Noi ne abbiamo scelti 23 andando verso la qualità che sulla quantità”.

I capisaldi del programma?
“In realtà è uno: proporre cose pragmatiche e realizzabili. Non abbiamo progetti faraonici né incompiute e proposte irrealizzabili, ma vogliamo razionalizzazione i costi della pubblica amministrazione e delle partecipate, reperire fondi a livello europeo, studiare piccoli progetti che possano portare un certo beneficio alla città anche attraverso il rilancio del turismo”.

Cosa manca a Pesaro?
“Non c’è ascolto dei cittadini, né coscienza sufficiente di quello che sta accadendo al tessuto socio-economico ed imprenditoriale. Per dirla in altre parole, c’è distacco tra la realtà dell’amministrazione, che ancora ragiona secondo vecchi schemi, e le necessità reali di Pesaro”.

Consapevole della difficoltà di vincere in una città dove ha sempre vinto la parte opposta?
“Vincere le elezioni è un’impresa difficile ma non impossibile. Sento aria di cambiamento che viene dai cittadini, così come avverto il sostegno di tante persone anche insospettabili. Per la prima volta c’è una coalizione unita, che sostiene una donna che è anche imprenditrice… il che a mio avviso è un valore aggiunto”.

Se diventasse sindaco, cosa farebbe nei primi 100 giorni di governo della città?
“A dire il vero stiamo preparando il programma di governo dei primi 50 giorni. Stiamo controllando quello che si può razionalizzare della macchina comunale, pensando di implementare lo sportello per le imprese affinché diventi realmente uno strumento di aiuto. Cominceremo subito provando a eliminare la burocrazia, così come stiamo pensando di far ritornare palazzo Gradari in mano alla città. Da lì vanno tolti gli uffici degli assessori. Non è accettabile che sale affrescate dentro una struttura storica non vengano utilizzate come polo museale, magari per Rossini. Grande attenzione, poi, ai giovani e al tema della sicurezza”.

 

LA SQUADRA DI SIAMO PESARO

Giovanni Dallasta – geometra, libero professionista
Luigi Alessio Aleo – studente
Ida Baci – pensionata
Stefano Bastianelli – commerciale estero
Roberta Belardinelli – libero professionista
Marco Castellani – studente
Angela Cecini – avvocato
Laura Di Marzio – disoccupata
Fabio Filippucci – impiegato bancario
Roberto Gambelli – ingegnere, libero professionista
Franco Giorgini – pensionato
Marco Patrignani – commesso
Samuele Poli – imprenditore
Maria Rapagna – dipendente pubblico
Ylenia Reibaldi – mediatrice familiare
Nadia Renzi – impiegata
Rossano Ronci – fotografo, libero professionista
Lucia Rita Spampinato – imprenditrice
Maurizio Torcasio – insegnante
Maurizio Gabucci – architetto, libero professionista
Alessia Crescentini – impiegata
Renato Morsiani – ingegnere, libero professionista
Silvia Scrocco – studente

Un commento to “Roberta Crescentini presenta la sua squadra: “Abbiamo puntato sulla qualità più che sulla quantità””

  1. […] Roberta Crescentini presenta la sua squadra: “Abbiamo puntato sulla qualità più che sulla qu… sembra essere il primo su […]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>