Volley Pesaro, niente playoff, ma la stagione va in archivio con un sorriso

di 

10 maggio 2014

FORTITUDO CITTA’ DI RIETI – VOLLEY PESARO 1-3
FORTITUDO CITTA’ DI RIETI: Miotti, Pavone, Vojth, Lunardi, Sammartano, Sechi, Carrara, Iosco, Fornari, Severi (L), Pentuzzi. All. Simone
VOLLEY PESARO: Spadoni, Carraro, Boriassi, Micheletti (L), Zuccarini, Natale, Fiesoli, Salvia, Battistelli, Trinci, Sacchi. All. Portavia
ARBITRI: Proietti e Russo
PARZIALI: 24-26; 25-23; 22-25; 17-25.

Gigi Portavia e la presidente Barbara Rossi (dalla pagina Facebook di Volley Pesaro)

Gigi Portavia e la presidente Barbara Rossi (dalla pagina Facebook di Volley Pesaro)

PESARO – L’ultimo sottilissimo filo a cui era appeso un sogno impossibile si spezza un quarto d’ora prima che il Volley Pesaro scenda in campo a Rieti. Lo spezza Olbia, che travolge Loreto e balza addirittura al secondo posto, superando Perugia sconfitta a Trevi. In ogni caso il sogno sarebbe stato impossibile, perché se anche Olbia – oltre a Perugia, crollata nel derby – avesse perso, sarebbe passata Casette. Resta una considerazione: Pesaro, come Filottrano e Olbia, ha vinto 21 delle 26 partite giocate, ma ha pagato a caro prezzo i punti gettati al vento con Loreto in casa, a Trevi e Figline Valdarno, ma anche – però era la prima di campionato – in casa con Todi. Avere lasciato un punta a Figline Valdarno, terra di conquista per tutte le protagoniste del Girone C di serie B1, è stato un peccato imperdonabile, come avere perso con Loreto.

Brave, comunque, le ragazze pesaresi a chiudere la stagione con una vittoria, ottenuta al cospetto di una squadra che pure era obbligata a conquistare i tre punti, pena la retrocessione, e alla vigilia aveva lanciato un appello alla tifoseria, concedendo l’ingresso gratuito al Palacordoni. Tutto inutile. Onorando lo sport, il Volley Pesaro ha vinto e Rieti è retrocessa in serie B2.

Diverse sono le note positive della giornata. Oltre all’esordio vincente in panchina di Luigi Portavia, da sottolineare anche l’ottima prestazione di Eva Trinci, per la prima volta titolare in questa stagione al posto di Gioia.

Rieti ha provato in tutti i modi a impensierire le pesaresi, brave ad affrontare la gara con concentrazione. Le diverse motivazioni delle due squadre potevano fare la differenza, ma Volley Pesaro ha onorato fino alla fine questo campionato: “Peccato che sia tutto finito – commenta il presidente Barbara Rossi -: le ragazze hanno dimostrato di essere delle vere atlete, nessuna si è tirata indietro nonostante la partita non contasse più di tanto ai fini della nostra classifica. Non posso che essere soddisfatta”.

La Fortitudo Rieti ha tenuto la gara aperta per i primi tre parziali, come spiega il coach Portavia: “Nei primi due set il risultato è sempre stato in bilico, la differenza l’ha fatta sicuramente la nostra battuta”. Messa sotto pressione, Rieti ha faticato in ricezione: “Con il gioco scontato, per noi è stato molto più semplice organizzare muro e difesa”.

La resistenza di Rieti si è spenta solo nel quarto set, conquistato senza troppe sofferenze da parte delle pesaresi: “Sono emozionato e contento – continua Portavia – abbiamo fatto il nostro, chiudendo la stagione con una bella vittoria”.

I risultati completi della 26^ giornata, ultima della stagione regolare

Olbia – Loreto 3-0 (25-10; 25-22; 25-8)
Bastia – Cagliari 3-0 (26-24; 25-22; 25-14)
Rieti – Pesaro 1-3 (24-26; 25-23; 22-25; 17-25)
Filottrano – Todi 3-1 (25-23; 22-25; 25-10: 25-20)
Trevi – Perugia 3-1 (22-25; 25-11; 25-14; 25-20)
Figline Valdarno – Pagliare 1-3 (25-23; 12-25; 15-25; 11-25)
Casette d’Ete – Firenze 3-0 (25-17; 25-22; 25-17)

La classifica

Filottrano 64
Olbia 59
Perugia e Casette 57
Pesaro 56
Bastia 50
Firenze 35
Loreto 32
Trevi 30
Pagliare 29
Todi 28
Rieti 24
Figline Valdarno 16
Cagliari 9

Filottrano, Olbia e Perugia ai playoff per la promozione con le squadre del Girone D (Marsala, Agrigento e Caserta); retrocedono in B2 Rieti, Figline Valdarno e Cagliari.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>