Bullismo cieco, terrorizzava e picchiava i compagni di classe senza motivi: arrestato 15enne pesarese

di 

11 maggio 2014

CATTOLICA – Pesarese, 15 anni, figlio di genitori separati, vive con la madre in Romagna. Con un problema: è stato denunciato dal presidente della sua scuola per continue e ripetute violenze verso i  compagni di classe. Non bullismo mirato a ottenere qualcosa, come soldi o la merenda, ma solo violenza fine a se stessa. Tra gennaio e marzo  – hanno ricostruito i carabinieri – il ragazzino, all’epoca 14 anni, aveva preso un compagno a calci nei testicoli, ad una ragazzina aveva lanciato un paio di forbici colpendola al sopracciglio e in un’altra circostanza aveva toccato le compagne nelle parti intime. Inoltre aveva anche preso per il collo un compagno e gli aveva sferrato due ginocchiate al volto rompendogli il setto nasale. Insomma, era diventato un incubo per tutta la classe. E i genitori dei suoi compagni di classe hanno raccontato al preside della pressione psicologica a cui erano sottoposti i loro figli, della paura che avevano ad andare a scuola. L’Autorità Giudiziaria, concordando con l’attività investigativa dei Carabinieri e data la pericolosità del ragazzino, ha così emesso la misura cautelare dell’affidamento alla comunità minorile bolognese e nella giornata di venerdì è stata data esecuzione al provvedimento.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>