Doppio dominio tedesco: a Misano vince l’Audi , in F1 nel GP di Spagna poker di Hamilton con la Mercedes

di 

11 maggio 2014

Nel primo appuntamento del Campionato Italiano Turismo, dopo la vittoria di ieri in gara 1 di Capello-Zonzini con l’Audi R8 ufficiale,oggi hanno dominato i compagni di team Mapelli- Schoffer,dopo una gara entusiasmante e combattuta che ha visto alternarsi al comando un po’ tutti i big. Il duo di Audi Italia hanno lasciato sfogare la Porsche 997 di Donativi-Gagliardini,secondi al traguardo e la Lamborghini Gallardo di Amici-Barri poi terzi sotto la bandiera a scacchi. Mapelli-Schoffer hanno preso definitivamente il comando dopo il cambio pilota, sfruttando anche l’entrata della safety-car per una toccata fra la Ferrari di Casè e l’altra Audi di Zonzini,vincitore con Capello ieri in gara 1. Lo spettacolo è così proseguito anche oggi al Santamonica, dove oltre alle stupende Supercar del GT, hanno entusiasmato il pubblico le altre gare dei Campionati Porsche Cup, European Gt4, Italiano Turismo,Trofeo Mini e Seat Cupra, che compongono il plateau dei “ Racing Week-End”.

 

L'Audi a Misano

L’Audi a Misano

Nel G.P. di Spagna di F.1, invece la “noia” continua per noi spettatori, ma non per il duo della Mercedes -Hamilton e Rosberg- che proseguono nella loro cavalcata trionfale verso un Mondiale che potremmo considerare già assegnato. L’inglese della Stella a Tre Punte fa poker, regolando il compagno di team che prova ad insidiarlo “ timidamente” nel finale. I Mercedes “boys”,rifilano quasi 50 secondi alla Red Bull di Ricciardo finalmente a podio,dopo un avvio di stagione al fulmicotone ma avaro di “ trofei”. Si rivede un grande Vettel che recupera dalla quindicesima posizione di partenza fino alla quarta, indovinando la mossa delle tre soste, strategia adottata anche da Alonso ma con un risultato finale ben diverso,con lo spagnolo della Ferrari che riesce a scavalcare solo il compagno Raikkonen per un sesto posto ad oltre un minuto dalle Mercedes, con il rischio di essere doppiato,onta subita dalla Rossa del finlandese che chiude settimo. Se pensiamo che 365 giorni fa in Spagna Alonso e la Ferrrari ottenevano la loro ultima vittoria doppiando le Mercedes, viene il sospetto che a Maranello abbiano confuso l’evoluzione con l’involuzione. Questo doveva essere il gran premio del “riscatto” ora i tecnici in rosso hanno spostato l’obbiettivo della rinascita in Canada, ma ipotizzare una rivale per la Mercedes o meglio chi sarà la seconda forza del Mondiale, più che della Ferrari è forse meglio parlare della Red Bull. Per la cronaca Bottas con la Williams-Mercedes ottiene un buon quinto posto e fanno parte della top ten anche Grosjean con la Lotus ed il duo della Force India Perez e Hulkenberg.

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>