Sanità, la “visita” della Lorenzin al Santa Croce fa alzare la voce a Carloni: “L’ospedale fanese non si tocca”

di 

12 maggio 2014

FANO – Sabato pomeriggio il ministro della Salute Beatrice Lorenzin è stata a Fano, invitata da Mirco Carloni, per fare il punto della situazione sulla sanità, parlare di ospedale unico e di difesa del Santa Croce. E proprio dal Santa Croce la Lorenzi ha iniziato il suo tour fanese ed ha voluto visitare la struttura sanitaria, dove ha parlato a lungo con gli operatori. La visita e’ proseguita con Carloni e il Ministro che si sono recati alla sede della coalizione “La Scelta Giusta”. Ad attenderli, oltre ad un nutrito gruppo di persone, i candidati alle europee Alfredo Antoniozzi e Italo D’angelo, il coordinatore del Nuovo Centrodestra Giacomo Bugaro e i componenti della gruppo che sostiene Carloni.

Carloni e il ministro Lorenzin

Carloni e il ministro Lorenzin

Carloni, oltre a ringraziare la Lorenzin , ha rimarcato ancora una volta la volontà di tutelare il nosocomio fanese. “La Lorenzin, appena ho ufficializzato la mia decisione di correre per diventare sindaco, mi ha detto che sarebbe venuta qui a Fano. Oggi l’ho accompagnata per farle vedere da vicino lo stato in cui si trova il Santa Croce: i servizi sanitari sono in sofferenza, non si riescono a dare risposte adeguate, vengono tolti posti letto e i primari che vanno in pensione non sono sostituti. Deve essere chiaro che il Santa Croce non si tocca. Dobbiamo reagire oggi affinché i cittadini di Fano possano essere curati come nelle altre province. La presenza di Beatrice Lorenzin è un importante segnale per il futuro di questa struttura”. Per quanto riguarda la possibilità di costruire un nuovo ospedale il Ministro è stata molto chiara: “prima di sposare un nuovo progetto bisogna avere le certezze di realizzarlo”.La Lorenzin ha anche ricordato i valori del Nuovo Centrodestra. “Con Mirco Carloni ci conosciamo da tanto tempo ed abbiamo un percorso di strada insieme quando ero a capo dei giovani di Forza Italia. Dobbiamo tornare a parlare tra la gente, rimoboccandoci le maniche per portare il nostro Paese fuori da una crisi che dura da 6 anni”.

A margine dell’appuntamento, Mirco Carloni ha organizzato un incontro tra Il ministro Beatrice Lorenzin, Tiziana Massaro e Vito Messina, genitori di Federico, il bimbo di 4 anni affetto dal morbo di Krabbe che era in cura con il metodo Stamina. Nel corso del colloquio, avvenuto in maniera riservata in una stanza della sede della coalizione, i genitori del bambino avrebbero chiesto al Ministro una soluzione alternativa che non sia invasiva per Federico che starebbe peggiorando dopo la sospensione delle cure. Il Ministro ha assicurato che farà di tutto per trovarla. Tiziana Massaro, terminata la conversazione, mentre un gruppo di persone chiedeva a gran voce al Ministro di farsi carico dei problemi di Federico, ha ringraziato pubblicamente Mirco Carloni per aver fatto sì che questo incontro avvenisse.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>