Brizi, Vallefoglia 2014-2024: “Emergenza scuola, dagli altri promesse elettorali senza verifiche. Ecco, nei particolari, le nostre idee”

di 

16 maggio 2014

Emanuele Brizi*

 

VALLEFOGLIA – La posizione della nostra Lista Andrea Dionigi Sindaco per Vallefoglia sulla questione Scuole del Comune di Vallefoglia ed in particolare sull’emergenza legata al plesso della Scuola Primaria Federico da Montefeltro (scuola di Via L. Da Vinci Zona Grotte), è fin dall’inizio stata sempre molto chiara e determinata, comunicata ai rappresentanti dei genitori e rappresentanti di Istituto, comunicata in pubblici incontri durante questa campagna elettorale ed infine alla Dirigente della Direzione Didattica Dott.ssa Cinzia Biagini e ad alcune insegnanti presenti all’incontro tenuto lunedì 12, nella scuola di via Guidi, alla presenza di tutte le liste candidate al Comune di Vallefoglia.

Visto comunque il tentativo di alcuni di voler equivocare e rappresentare questa “nostra posizione come poco chiara”, intendiamo con questo comunicato puntualizzare e specificare alcuni punti della questione:

la premessa è che il sottoscritto è anche genitore di due bambini, una bambina che già frequenta la scuola di via Guidi ed un bambino che dal prossimo anno inizierà la scuola primaria sempre in Via Guidi, e come genitore, oltre che come Candidato ViceSindaco ho molto a cuore questo problema.

Il nostro obiettivo per la risoluzione dell’emergenza è quello di mantenere tutti gli alunni del plesso di Via L. Da Vinci in una unica struttura, tutti assieme, ricostruendo così quell’ambiente scolastico unitario molto positivo ed apprezzato da tutti, insegnanti, genitori e bambini in primis;

Altro obiettivo è poter collocare questa struttura unitaria nel quartiere Grotte, riportando così in questo quartiere un elemento, la scuola, di fondamentale importanza per la coesione sociale del quartiere stesso.

Ultimo obiettivo avere la nuova struttura pronta e disponibile per la data del 1° di Settembre.

Questi sono i nostri obiettivi.

Detto questo, registriamo che nessuno di coloro che ha avanzato e sposato la proposta/soluzione dei PMS, prefabbricati modulari scolastici, è in grado di rispondere alle seguenti domande:

Esiste già un’area immediatamente (l’avverbio usato è molto importante per la tempistica stretta che abbiamo) disponibile nel quartiere Grotte dove posizionare la struttura con i PMS, specificando che questa struttura necessita di uno spazio coperto di mq. 360 circa per ospitare n. 5 classi più aula refettorio, cucina, servizi ecc.., ed uno spazio recintato complessivo di circa 1000 mq. Esiste?

Diciamo immediatamente disponibile perché la tempistica è molto stretta: a quello che risulta, l’area ipotizzata alle Grotte è di proprietà privata e pertanto necessita di un accordo con il privato il cui perfezionamento è tutto da valutare.

Brizi e Dionigi tra i professori universitari Forlani e Fiorillo

Brizi e Dionigi tra i professori universitari Forlani e Fiorillo

Ammesso che si riuscisse a trovare un accordo con il privato per posizionare i PMS in zona Grotte nei tempi necessari, esiste una ulteriore area disponibile su cui poter poi realizzare la nuova scuola definitiva nello stesso quartiere? O si corre il rischio che una volta posizionata ed installata una struttura temporanea, poi si faccia difficoltà a costruire e realizzare la nuova scuola?

Ammesso che tutto quanto sopra esista e sia fattibile, è stata valutata la tempistica di realizzazione delle opere di urbanizzazione necessarie a posizionare i PMS?? E’ stata verificata la tempistica del Bando e della Gara di appalto per i PMS e sulla immediata disponibilità degli stessi oltre alla tempistica di montaggio??

Al candidato Ucchielli, che dice sia possibile attivare una sorta di stato emergenziale per la questione scuola, attraverso il canale Regione e Protezione Civile, chiediamo se sia a conoscenza che questa possibilità è già stata verificata dal Commissario in carica e che è risultata non percorribile, oppure Lui, grazie alle sue sempre ventilate “conoscenze” si pone al di sopra di Leggi e Regolamenti, oppure si tratta solo di uno spot per la sua campagna elettorale sulla pelle di una questione molto seria ed urgente?

Sulla proposta del M5S Vallefoglia di posizionare i PMS nell’area cortiliva dell’attuale plesso di Via Guidi, Noi chiediamo a chi ha avanzato la proposta se ha verificato la facilità che paventa di allacciarsi alle linee esistenti per gli scarichi delle fogne di acque nere e le fogne di acque bianche, se ha verificato, vista l’area d’ingombro dei PMS necessaria, se l’eventuale posizionamento precluda la possibilità di aprire il cantiere già previsto per l’ampliamento del plesso stesso di Via Guidi.

Ci chiediamo se su una delle proposte iniziali, quella della ex sede dell’Unione siano state eseguite verifiche tecniche per valutare se i problemi inerenti quella struttura (possibilità di una locazione e di interagire per questo con Curatore Fallimentare e Commissario Banca Marche, soggetti che hanno attualmente in gestione l’immobile, problema delle ampie superfici vetrate, lavori di adattabilità da eseguire, coperture in eternit di fabbricati artigianali limitrofi ed aderenti alla struttura stessa), e se questi problemi siano o meno risolvibili nei tempi necessari. Questa ipotesi è stata scartata da quasi tutti senza specificarne alcun motivo tecnico.

Infine, ci chiediamo se non si possa valutare la possibilità, al fine di salvaguardare la realizzazione sia di una nuova scuola di quartiere alle Grotte, sia dell’ampliamento del plesso di Via Guidi, di posizionare una struttura che ospiti tutti gli alunni della scuola Federico da Montefeltro, in un’area di proprietà del Comune e quindi già immediatamente disponibile; utilizzando i PMS e valutando anche una struttura alternativa ai PMS, sempre modulare (quindi con tempi di realizzazione e montaggio adatti all’emergenza), con materiali ecocompatibili (legno) e ad alta efficienza energetica, una struttura definitiva che poi in futuro, una volta costruita la nuova scuola di quartiere alle Grotte, possa ospitare una nuova Scuola di Infanzia (Asilo) di cui c’è tanto bisogno nel nostro nuovo Comune di Vallefoglia.

Fatte tutte queste precisazioni, Noi della Lista Andrea Dionigi Sindaco per Vallefoglia, una volta che saremo Amministratori, impiegheremo pochi giorni per verificare puntualmente con l’ufficio Tecnico del Comune, la fattibilità e la tempistica di tutto quanto sopra descritto.

Al termine convocheremo immediatamente i genitori, i loro rappresentanti, la Dirigente Scolastica e le insegnanti, a cui sottoporremo le soluzioni concretamente possibili, soluzioni già verificate e realizzabili per dare una struttura pronta e disponibile per il 1° di settembre che possa ospitare insieme tutti gli alunni della Federico da Montefeltro.

*Candidato Vice Sindaco Vallefoglia

Lista n. 1 Andrea Dionigi

Sindaco per Vallefoglia

 

 

 

 

 

Un commento to “Brizi, Vallefoglia 2014-2024: “Emergenza scuola, dagli altri promesse elettorali senza verifiche. Ecco, nei particolari, le nostre idee””

  1. […] che la nostra lista aveva già indicato durante la campagna elettorale in data 16 maggio 2014 (http://www.pu24.it/2014/05/16/brizi-vallefoglia-2014-2024-emergenza-scuola-dagli-promesse-elettorali…). Ci è voluto tempo, 4 mesi, ma va bene lo stesso […]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>