Pesaro, imprese ancora in crisi. Urbino si “consola”. La Cna mette sotto torchio i candidati sindaco: successo a Fano, lunedì si replica a Pesaro e Urbino

di 

16 maggio 2014

PESARO – Nel corso del 2013 il comune di Pesaro ha perso 73 imprese attive, pari al -0,8% . Una perdita più ridotta di quella registrata a livello complessivo provinciale (-1,7%).
Con riferimento alle attività più importanti, nel comune calano soprattutto le imprese dell’agricoltura (-5,6%); le manifatture (-3,9%); le imprese di costruzioni (-3,3%). Primario e manifatture calano nel comune a ritmo più forte che in provincia. Nel comune, si registrano imprese in aumento solo per alcune attività del terziario: attività finanziarie e assicurative (+5,5%), immobiliari (+4,4%); noleggio agenzie viaggio e supporto imprese (+7%).

Perdono imprese, invece, settori come attività professionali scientifiche e tecniche (-2,1%), trasporto e magazzinaggio (-1,5%), altre attività di servizi (che comprendono le numerose attività a favore di persone e famiglie: -1,2%). Nell’ultimo trimestre del 2013 il numero delle assunzioni con contratto di lavoro dipendente nell’area di Pesaro sono state 2.965, in leggero aumento (+0,4%) rispetto al IV trimestre 2012. A titolo di confronto, sia nell’area di Fano sia nell’area di Urbino le assunzioni sono calate (-6,1% e -7,8%). Il saldo delle posizioni lavorative alle dipendenze (dato dalla differenza tra ingressi e uscite dall’occupazione) è negativo a -1.258 e si attenua (“appena” il 4,7%), in controtendenza rispetto alla regione in peggioramento del 16, 3%.

La CNA, ha iniziato una serie di iniziative dal titolo “Un’Impresa in Comune”, incontri nel territorio provinciale con i candidati a sindaco dei vari partiti nel corso dei quali sollecita i futuri amministratori in merito ad alcune tematiche generali e territoriali in particolare. Un confronto che a PESARO si terrà LUNEDI’ 19 MAGGIO maggio (ore18), nella Sala Rossa del Comune di Pesaro.

All’incontro sono stati invitati i candidati a sindaco ai quali la CNA consegnerà la propria piattaforma di proposte affinché nei programmi delle liste possano essere tenute nella giusta considerazione le indicazioni degli imprenditori.

L’Associazione formulerà le proprie proposte, contenute in un documento, in tema di Sanità; Infrastrutture; Turismo e Cultura; Urbanistica; Tassazione locale; Mobilità ed altro.

A tal proposito la CNA ha già consegnato la piattaforma di discussione ai candidati; una serie di proposte che sarà illustrata e discussa con gli aspiranti a primo cittadino.

L’incontro sarà aperto dal presidente CNA di Pesaro, Cristina Ortolani.

 

Crisi, Urbino si consola rispetto ai dati provinciali. Lunedì confronto con i candidati a sindaco

URBINO – Nel comprensorio comunale di Urbino le imprese registrate totali sono passate da 1.767 unità del 2008 a 1755 unità di fine 2013; mentre a Petriano sono passate da 331 unità registrate nel 2008 a 315 unità a fine 2013. Le imprese artigiane registrate nel 2008 ad Urbino erano 491 unità; a fine 2013 sono 443 unità, nel comune di Petriano nel 2008 erano 131 unità contro le 108 unità registrate a fine 2013. La crisi ha pesato maggiormente sulle imprese artigiane coinvolgendo tutti i settori, in particolare il manifatturiero e le costruzioni. Il dato totale relativo ad entrambi i comuni ci evidenzia che la variazione percentuale delle imprese artigiane registrate è del -11,4% dato inferiore alla variazione del -14,08% registrata su base provinciale.

Nella consapevolezza che una futura pianificazione non possa fare valutazioni di breve – medio termine ma avere un più lontano orizzonte specie in un momento storico quale quello attuale, la CNA ha presentato un documento ai candidati alle prossime elezioni amministrative. Lì sono contenute le direttrici fondamentali per lo sviluppo economico di Urbino e il territorio. Tra i punti contenuti nella piattaforma, il centro storico, il commercio e l’artigianato; la tassazione locale; i trasporti e la mobilità; le infrastrutture; gli appalti pubblici, le fusioni e l’integrazione dei servizi.

Su questi temi la CNA, ha iniziato una serie di iniziative dal titolo “Un’Impresa in Comune”, incontri nel territorio provinciale con i candidati a sindaco dei vari partiti nel corso dei quali sollecita i futuri amministratori in merito ad alcune tematiche generali e territoriali in particolare.

Un confronto che ad Urbino si terrà LUNEDI’ 19 MAGGIO (ore 21), nella Sala Castellani del Collegio Raffaello in piazza della Repubblica.

All’incontro, che sarà aperto dal presidente della CNA di Urbino, Roberto Annibali, sono stati invitati i candidati a sindaco dei Comuni di Urbino e Petriano.

 

Successo per l’iniziativa organizzata dalla CNA dal titolo “Un’impresa in Comune”. Fano, ha fatto il pieno il confronto con i candidati
Ecco le proposte degli artigiani per lo sviluppo della città

FANO – Successo a Fano per l’iniziativa organizzata dalla CNA dal titolo “Un’Impresa in Comune” che ha visto un confronto dei candidati a sindaco della città con gli imprenditori. Sala gremita per l’occasione e tanti imprenditori a seguire la discussione, aperta dai dati sull’economia, impietosi per l’economia fanese: sessantadue imprese in meno pari ad un -1,0%. Con riferimento alle attività, a calare nel comune sono soprattutto le imprese di costruzioni (-5,5%); le manifatture (-4,8%); le imprese dell’agricoltura (-3,45%). Manifatture e costruzioni calano a ritmo più forte che in provincia, mentre crescono le attività del terziario (commercio, trasporto, turismo, attività finanziarie e assicurative). Nel primo trimestre il comune ha perso altre 25 imprese. Ma è il dato sull’occupazione a preoccupare. Per l’area di Fano il saldo negativo (posizioni lavorative alle dipendenze dato dalla differenza tra ingessi e uscite) è – 1.856 e peggiora del 19,3%, mentre la media regionale si attesta sul 16% ed a Pesaro addirittura del 5%. Sono questi gli effetti della crisi che ha colpito duramente anche Fano ed il suo territorio. Si è passati poi alla discussione sui punti della piattaforma elaborata dalla CNA su varie questioni.

URBANISTICA

– La Cna chiede che possa essere rivisto il Piano Regolatore attualmente suddiviso solo in grandi comparti.
– Una riqualificazione del centro storico attraverso interventi di ristrutturazioni e conservazione che rientrino nel protocollo “Progetto Itaca” (con incentivi ai proprietari di immobili che si avvalgono di imprese qualificate)
– Per incentivare il commercio e salvaguardare le attività artigiane va completamente rivalorizzato il Centro storico della città in particolare sotto il profilo dell’arredo urbanistico.
– Riqualificare aree in degrado come quella dell’ex zuccherificio (Porta sud) sul quale andrebbe proposto un concorso di idee.
– Proposta di riqualificazione per l’area di Torrette (ex Fantasy World), per rilanciare il collegamento tra periferia sud e città.
– Ultimare la strada interquartieri, bretella tra la zona sud e nord di Fano attraverso la famosa strada di mezzo. Inoltre individuazione di percorsi ciclabili che colleghino le frazioni di Bellocchi, Falcineto e Carrara con la città ed il mare.
– Il Parcheggio in prossimità dell’Arzilla va meglio collegato con la città
– Sistemazione della porta sud e nord della pista ciclabile che collega Fano con Pesaro

INFRASTRUTTURE

– Sul porto va eseguita un’operazione di sistemazione e valorizzazione dello scalo ai fini della promozione turistica, della nautica da diporto e dello scambio commerciale
– Vanno velocizzate procedure e lavori relativi al potenziamento dell’aeroporto di Fano
– Creazione di un Polo logistico come snodo intermodale delle merci per evitare il traffico pesante in città
– Realizzazione della Strada delle barche
– Realizzazione del 2° Casello Fano Nord

TURISMO

– Occorre elaborare un piano organico per la promozione turistica della città individuando punti di forze e di attrazione come l’enogastronomia, il turismo balneare e costiero e il rapporto con l’entroterra
– Servono interventi rapidi in difesa del litorale attraverso il rinascimento delle scogliere
– Migliorare l’offerta dei servizi (docce, cabine, etc.), anche nelle spiagge libere per promuovere il turismo balneare
– Area pista go-kart riqualificazione e area risorse da destinare al turismo
– Sul Carnevale occorre dar vita ad un progetto annuale che coinvolga artigiani, scuole e cittadini che potenzi e sviluppi ulteriormente l’iniziativa.

Un commento to “Pesaro, imprese ancora in crisi. Urbino si “consola”. La Cna mette sotto torchio i candidati sindaco: successo a Fano, lunedì si replica a Pesaro e Urbino”

  1. […] Pesaro, imprese ancora in crisi. Urbino si “consola”. La Cna mette sotto torchio i candi… sembra essere il primo su […]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>