Anosike e Vuelle, sembra una storia da “C’eravamo tanto amati”

di 

18 maggio 2014

L'inequivocabile home page del sito francese

L’inequivocabile home page del sito francese

PESARO – C’eravamo tanto amati… Potrebbe essere il titolo della storia tra Oderah Anosike e la Victoria Libertas. C’eravamo, ma da sabato forse non più. Da quando dall’Alsazia è arrivata la notizia che il pivot che è stato straordinario protagonista della salvezza pesarese avrebbe firmato per la Sig Strasburgo, impegnata nei playoff del campionato francese.

L’annuncio – sabato pomeriggio – con un tweet diffuso da @RomainDsDz: “OD Anosike signerait à la SIG en provenance d’Italie”. Non dovrebbe esserci bisogno d i traduzione: signerait significa firmerà.

Anosike. Foto gentilmente concessa da Enrico Manna

Anosike. Foto gentilmente concessa da Enrico Manna

Notizia sorprendente. Abbiamo tentato di contattare il direttore sportivo pesarese, Stefano Cioppi, che stamattina ha risposto così: “OD è sotto contratto con noi fino al 30 giugno e nessuno ha chiesto nulla…”.

Questo pomeriggio, però, la Sig Basket-Ball Strasbourg ha ufficializzato la notizia – con una bella fotografia durante una partita casalinga della Vuelle – attraverso il suo sito web: “O.D. Anosike, pigiste médical de Romain Duport”. Nei fatti, Anosike sostituisce l’infortunato pivot e dovrebbe scendere in campo già nella prima partita di semifinale, contro Nancy, in programma martedì 20 maggio, alle ore 20,50.

Usiamo il condizionale, anche se a Strasburgo coach Collet ne è certo, dichiarando che “Non sarà facile integrarlo in così poco tempo…”. Ma l’esordio sarebbe in programma giovedì, in gara 2.

Noi abbiamo la sensazione che possano esserci problemi se la VL, e quindi la Federazione Italiana Pallacanestro, non concederà la necessaria autorizzazione.

Insomma, la bella storia tra Pesaro e OD rischia di essere al capolinea, per colpa – non avendo alcun dubbio sulle parole di Stefano Cioppi – di chi consiglia il giocatore. A meno che non arrivi la solita transazione economica, magari con la rinuncia do Od allo stipendio di giugno, pensando alle opportunità che gli offre l’ingaggio transalpino, in una squadra che ha disputato,e potrebbe disputare, l’Eurolega.

In ogni caso, il titolo sembra davvero “C’eravamo tanto amati”.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>