Anche gelato-go di Miami festeggia la salvezza della Vuelle: la nuova attività di Lorenzo Scatigna, Stefano Baroni e Antonio Arminio

di 

19 maggio 2014

Stefano Baroni e Lorenzo Scatigna davanti al gelato-go

Stefano Baroni e Lorenzo Scatigna davanti al gelato-go

MIAMI (Stati Uniti) – A quattro isolati dalla American Airlines Arena, casa dei Miami Heat, nel cuore della splendida città della Florida meta di turisti da tutto il mondo, il pesarese Lorenzo Scatigna ha aperto la gelateria italiana assieme al suo socio Stefano Baroni, figlio di Marco Baroni, allenatore del Lanciano in Serie B ed ex difensore titolare della Under 21 di Vialli e Mancini, della Roma e del Napoli di Maradona scudettato nel ’90.

Ma il protagonista indiscusso è il delizioso gelato italiano di Antonio Arminio, il maestro gelatiere da due generazioni e genio assoluto del prodotto: da Santa Maria a Vico provincia di Caserta a Miami, per deliziare i palati d’oltreoceano.

Antonio Arminio, il re del gelato

Antonio Arminio, il re del gelato

Antonio, praticamente il terzo figlio di Nando e Maria Vittoria Gentile, miglior amico di Stefano ed Alessandro, è grande appassionato ed intenditore di pallacanestro. E’ molto amico della Vuelle, nonché “fornitore ufficiale” di mozzarella per Cioppi e Pecile e quando è stato ospite di Lorenzo a Pesaro, lo scorso Febbraio per gli incontri casalinghi contro Avellino e Cantù, ha portato decisamente bene.

La scorsa settimana a Miami, assieme a Lorenzo, oltre all’apertura della gelateria hanno festeggiato anche la salvezza della Vuelle.

A chi andasse a Miami, ricordiamo di non perdere l’opportunità di gustare un gran gelato italiano a Miami Downtown: gelato-go, 360 SE 1st Street, propone solo gelato naturale, senza basi, delizioso. Il successo è stato immediato.

A Lorenzo e ai suoi amici il più grande “in bocca al lupo” da www.pu24.it.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>