Dionigi e Brizi, Vallefoglia 2014-2024: “Insieme ai cittadini possiamo scrivere un’altra storia. Senza false promesse: ecco come”

di 

22 maggio 2014

VALLEFOGLIA – La Lista è la numero 1, si chiama Vallefoglia 2014-2024,  e sostiene l’avvocato Andrea Dionigi, 40 anni, di Montecchio, candidato sindaco e il geometra libero professionista Emanuele Brizi, 38 anni, di Cappone, candidato vicesindaco. Entrambi non hanno tessere di partito. Dionigi e Brizi, perché vi siete presentati e avete condotto la campagna elettorale in due?

Abbiamo voluto dare la dimostrazione concreta non dell’uomo solo al comando, del salvatore della patria – spiegano Dionigi e Brizi – bensì l’idea di un gruppo che si è unito intorno ad una idea, ad un progetto di rinnovamento, l’idea di una squadra con più giocatori, certo con un capitano ma con tante altre persone a coprire i vari ruoli del campo. In più abbiamo voluto dare l’idea di un territorio che si è unito in nuovo Comune e che per questo viene rappresentato in maniera paritaria e non partitica.

 

Brizi e Dionigi tra i professori universitari Forlani e Fiorillo, durante uno dei loro numerosi incontri tematici svolti a Vallefoglia

Brizi e Dionigi tra i professori universitari Forlani e Fiorillo, durante uno dei loro numerosi incontri tematici svolti su tutto il territorio di Vallefoglia

Il vostro slogan, uno dei pochi all’interno di un programma molto dettagliato, è: per scrivere un’altra storia. Cosa intendete?

Sgombriamo il campo dalle polemiche: noi non ci siamo candidati contro delle persone o dei personaggi, bensì contro un sistema che risulta essere antico e ormai fuori luogo, quello della rappresentanza esclusiva per corrente politica, senza tenere conto della competenza e del merito. Siamo convinti che i tempi difficili in cui viviamo oggi non possano più sopportare le false rassicurazioni, il “ci penso io”, l’equilibrismo traballate di gruppi con persone che si sono messe insieme solo per vincere le elezioni e a cui noi diciamo un no forte e chiaro.

La vostra campagna elettorale si è stata caratterizzata da molteplici incontri a tema, mirati e spiegati grazie alla presenza di specialisti di settore: che risposta avete avuto dai cittadini presenti, cosa vi chiedono?

I cittadini hanno chiesto risposte concrete e hanno apprezzato questo nostro salto di qualità: ovvero verificare e cercare di risolvere le soluzioni con umiltà e competenza, aiutandoci nei ragionamenti con degli specialisti, ovvero uscendo dal vecchio schema politico.

Tre punti fissi del vostro programma sono: trasparenza, informazione e semplificazione. Potete spiegare meglio?

Ai cittadini deve essere tutto chiaro. Oggi più di ieri qualsiasi sistema, qualsiasi organizzazione, acquista capacità di incidere sul tessuto sociale solo se gioca in modo aperto coinvolgendo i cittadini. Trasparenza, informazione e semplificazione sono tre parole che non possono in alcun modo essere separate perché sono una condizione indispensabile per un processo di responsabilizzazione di una comunità intera e dei cittadini, quindi adotteremo come indicato nel nostro programma tutte le soluzioni per raggiungere questo scopo: da un nuovo statuto che dia più facoltà e più spazio al peso dei corpi intermedi, dalle associazioni alle consulte sia territoriali che tematiche. Una su tutte, ma non l’unica, la consulta delle attività economiche ma anche il Bilancio Partecipato, la Rendicontazione Sociale, la trasmissione via web dei lavori del consiglio comunale, la semplificazione delle procedure interne e della struttura pubbliche che deve dare risposte al cittadino utente, e l’avvio degli Urp. 

Scuola: cosa intendete fare nell’immediato per la situazione di via Leonardo da Vinci e, come progettazione, per tutte le strutture scolastiche in generale del Comune di Vallefoglia?

L’edilizia scolastica è la prima delle nostre priorità, anche noi abbiamo figli che vanno in quelle scuole. La questione, per serietà, non si può riassumere in poche righe. Confermiamo però che ci metteremo a lavorare dal giorno dopo l’elezione e, nel giro di una settimana, daremo delle risposte sui cui stiamo già lavorando da tempo. Poi, insieme ai genitori, decideremo la soluzione migliore. Per leggere nel dettaglio la spiegazione che il candidato vicesindaco Brizi ha esposto sugli organi di stampa nei giorni scorsi clicca su http://www.pu24.it/2014/05/16/brizi-vallefoglia-2014-2024-emergenza-scuola-dagli-promesse-elettorali-verifiche-particolari-nostre-idee/)

Partecipazione: cosa volete fare con le consulte cittadine che tanto bene si sono comportate a Sant’Angelo in Lizzola (vedi la scelta, poi realizzata, delle telecamere di sicurezza nei punti strategici del territorio)?

In un territorio che si è unito da poco le consulte di frazione e di quartire ma anche quelle tematiche possono e devono rappresentare la riconquista di uno spazio di discussione civico sul futuro della nostra comunità; vogliamo istituzionalizzare nel nuovo statuto comunale questa possibilità di confronto. 

Sicurezza e urbanistica: quali sono le vostre priorità?

La sicurezza che può realizzare un comune è di due tipi. La prima, quella sociale, di inclusione e sviluppo del benessere delle persone: il nostro obiettivo è di migliorare quello fino ad oggi fatto. La seconda, quella intesa come difesa della legalità oltre che una implementazione o rafforzamento del lavoro della polizia municipale in coordinamento con le altre forze dell’ordine. Parliamo di potenziamento, a tutto il territorio di Vallefoglia, della videosorveglianza e della pubblica illuminazione nei punti sensibili o del miglioramento del decoro di alcune parti del territorio. Pensiamo, ad esempio, che andranno incentivate le feste di quartiere, di frazione, di vicinato addiritttura, come momento di conoscenza e condivisione.

E per l’Urbanistica, da dove partire?

Crediamo che si debba procedere abbastanza velocemente ad una revisione degli strumenti urbanistici in termini di recupero “dell’abbandonato” e di riqualificazione di alcune parti del territorio attraverso una loro conversione ad altra destinazione anche pensando a utilizzi innovativi: sicuramente non abbiamo bisogno di nuovi centri commerciali, semmai dovremo coinvolgere tutti i commercianti in un progetto di centro commerciale naturale che potrebbe attirare risorse europee con innegabili vantaggi per i commercianti stessi e di riflesso per i cittadini, vanno pensate una serie di agevolazioni per i borghi storici e soprattuto una forte conversione verso un “recupero verde o ambientale” dell’edificato. Non abbiamo bisogno di consumare altro terreno agricolo.

 

Clicca per ingrandire

Clicca per ingrandire

Turismo: quali idee per valorizzare il territorio di Vallefoglia?

Abbiamo detto, e gli esperti l’hanno confermato, che oggi cultura e turismo possono aiutare ad uscire dalla crisi. Vogliamo investire su cultura e turismo, a partire dai nostri splendi borghi, proprio per dare una nuova occasione di sviluppo economico al nostro territorio, l’imprenditorialità diffusa che ci ha caratterizzato non può sparire ma deve essere canalizzata su un terreno compoletamente nuovo. Se si creano infrastrutture per la cultura ed eventi possiamo attrarre risorse economiche o intercettare, per fare solo un esempio, i flussi turisitici di Rossini e Raffaello.

Giovani: siete per il wifi gratuito ma non solo. Spiegate meglio.

Il wi-fi gratuito, ovvero il collegamento a internet gratis in alcune aree del Comune, è una nuova strada che vogliamo fortemente rendere possibile perché migliora la competitività del territorio. Ma per i giovani pensiamo anche alla creazione di una Biblioteca e Mediateca, di una Sala Culturale Polivalente realmente fruibili. 

Lavoro: quali sono le vostre ricette per aiutare nel concreto l’economia locale, i cittadini che non hanno lavoro e gli imprenditori stritolati dalla crisi?

Le nostre proposte sono ponderate ma concrete, nulla a che fare con gli slogan che appartengono ad altre liste. Anche per esperienza diretta e per conoscenza del mondo del lavoro autonomo e della piccola impresa, noi vogliamo favorire una ripresa in questo settore dell’economia che possa far poi da traino. Grazie ai fondi derivanti dalla fusione del Comune punteremo su un forte abbassamento della tassazione locale. Tenendo conto ovviamente anche dei vincoli sia di legge che di bilancio, prevediamo però una serie di incentivi fiscali per le nuove imprese, per chi investe e assume anche a tempo determinato, per chi apre un’attività nei borghi storici e collinari, per chi decide di efficientare l’azienda da un punto di vista energetico. Prevediamo anche un sostegno forte ai confidi per allargare la capacità di finanziamento alle piccole imprese, maggiore semplificazione delle procedure amministrative per le imprese, intensifcare la lotta all’abusivismo e sempre all’interno di una cornice di massima trasparenza ed utilizzando le leggi ed i regolamenti attualmente a disposizione vedere come favorire l’affidamento di lavori e servizi pubblici alle imprese del nostro territorio. C’è una grossa “panzana” che gira e di cui noi diffidiamo, quella dei 150 cantieri da 10.000 euro: diciamo solo che non si è mai visto un Comune dove esistono solo lavori da 10.000 euro.

Fondi europei: spieghiamo cosa può fare in concreto il Comune

Siamo gli unici che abbiamo parlato dei fondi europei con serietà e competenza portando a Vallefoglia i vertici della società italiana più importante del settore: la Warrant Group. E proprio perché siamo seri, non possiamo raccontare favole né ai cittadini né agli imprenditori: per ottenere fondi europei bisogna mettere insieme le energie e le competenze degli enti pubblici, delle imprese e delle loro rappresentanze, dei professionisti e creare uno “sportello Europa” dove studiare le strategie anche di informazione, per arrivare a progettare, richiedere e ottenere fondi. Da soli non si va da nessuna parte, non si avranno soldi da Bruxelles con la simpatia.

 

FESTE DI FINE CAMPAGNA ELETTORALE:

Giovedì 22 maggio (questa sera) ore 21.30 presso il CRS di Bottega
Concerto Live “IL DIAVOLO E L’ACQUA SANTA”

Venerdì 23 maggio ore 21:30 Piazza della Repubblica (Montecchio)
Concerto Live “LE STRADE” & “T.N.T.”

 

Ecco i componenti della Lista civica di centrosinistra Vallefoglia 2014-2024:

DIONIGI ANDREA (SINDACO)
, 41 anni, Avvocato, MONTECCHIO

BRIZI EMANUELE (VICE SINDACO)
, 38 anni, Geometra, CAPPONE

1- BOVICELLI LUCIANO, 62 anni, Medico, MONTECCHIO

2- CARRIERA UMBERTO, 
24 anni Studente/ presidente ass. culturale/ arbitro,
MONTECCHIO

3- COLECCHIA MARZIA, 
30 anni, Libera professionista, traduttrice, MORCIOLA

4- DEMELI DEBORA
, 33 anni,
Impiegata sistemi CED,
MONTECCHIO

5- FRATENALE CLAUDIA, 
22 anni, Studentessa in economia energetica, BOTTEGA

6- GOFFI FEDERICO, 
41 anni, Avvocato,
SANT’ANGELO IN LIZZOLA

7- GUERRA ILARIA
, 26 anni Educatrice d’infanzia/Studentessa in Scienze della Formazione Primaria,
MONTECCHIO

8- LIERA LORENZO, 
46 anni,
Imprenditore,
BOTTEGA

9- POLIDORI GIACOMO
, 21 anni Studente in economia/ Istruttore di tennis
MONTECCHIO

10- RICCI ANDREA, 
30 anni,
Impiegato tecnico,
TALACCHIO

11- ROMANI MARIA AMALIA
, 60 anni,
Insegnante,
BOTTEGA

12- SCAPINI EMANUELE
, 39 anni, Figura manageriale, al momento Direttore editoriale di una piccola casa editrice,
APSELLA

13- SPADONI RICCARDO, 
29 anni, Dipendente privato,
MORCIOLA

14- TORCOLACCI BARBARA, 37 anni, Avvocato, MONTECCHIO

15- TRAPANESE FRANCESCO, 
43 anni,
Dipendete privato,
 MONTECCHIO

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>