Montefeltro, ecco le proposte delle imprese ai candidati sindaco di 12 Comuni

di 

23 maggio 2014

MERCATALE – Ultimo incontro della CNA con i candidati a sindaco ieri sera a Mercatale. Nel territorio che comprende  i comuni della Comunità Montana del Montefeltro (Belforte all’Isauro, Carpegna, Lunano, Macerata Feltria, Montecerignone, Montegrimano, Montecopiolo, Montecalvo in Foglia, Piandimeleto, Pietrarubbia, Sassocorvaro, Tavoleto), l’associazione ha esposto la propria piattaforma relativa al territorio. Tra le altre la CNA ha individuato alcune priorità esposte in un documento.

Tra queste sul tema della Viabilità e Mobilità, la Fano-Grosseto che per l’associazione rappresenta un’infrastruttura essenziale di collegamento ed una straordinaria occasione di sviluppo per ridare centralità al territorio. Dopo la firma per la costituzione della società di progetto la speranza che nella fase operativa si possano aprire tutti i cantieri che interessano la nostra provincia, soprattutto per quanto riguarda il superamento della barriera appenninica fino alla E45 e ad Arezzo. CNA ritiene che sia importante procedere con celerità ed in particolare per quanto riguarda la galleria che collega le due vallate del Metauro e del Foglia e che rende questa arteria particolarmente strategica anche per lo sviluppo dell’intera area del Montefeltro. I problemi della viabilità nella vallata del Foglia, sono strutturali, c’è un ritardo storico che deve essere recuperato, tanto più in seguito agli incrementi di traffico dovuti all’apertura della galleria Lunano-S.Angelo. Oltre alla nuova circonvallazione di Casinina servono altri interventi in alcuni punti critici che rallentano notevolmente la percorrenza in direzione Pesaro, con condizioni di sicurezza critiche. La pedemontana e quindi il collegamento di Lunano con Sarsina e la E45, una infrastruttura strategica per lo sviluppo delle aree interne.

Sul Decreto 6.000 Campanili, nei mesi scorsi la CNA ha incontrato i Comuni che hanno partecipato al Bando ed ha ribadito in quella occasione la necessità di far partecipare le imprese locali ai bandi pubblici, Anzi, di fronte all’ipotesi di gare a soglie di ribasso anomale, CNA farà azioni di denuncia verso la Prefettura di Pesaro e Urbino. Sui tributi locali CNA esprime la necessità di un confronto più serrato con i comuni per evitare condizioni insostenibili da parte delle imprese e delle famiglie. Sul livello di servizi per il territorio, a cominciare da quelli sanitari, CNA si schiera a difesa della funzionalità degli ultimi presidi della salute dell’entroterra.

Su fusioni, Unioni, gestione dei servizi l’associazione ritiene che il superamento delle province dovrà favorire l’associazionismo tra i comuni. Pensiamo che in un territorio così frammentato come quello delle aree interne il ruolo delle nuove unioni dei comuni montani possa consentirci una partecipazione fattiva alle scelte che riguardano il territorio. Per CNA occorre favorire l’aggregazione tra imprese come nuovo modello di business . Infine l’associazione denuncia il fenomeno dell’abusivismo, in alcuni settori particolarmente allarmante, Su questo tema la CNA, attraverso l’istituzione di un protocollo con la Guardia di Finanza, vigilerà affinché sui territori comunali nelle varie attività artigianali venga rispettata la regolarità delle imprese.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>