Pesaro piange Paolo Pierucci: fondò casa Moscati, residenza per malati di Aids

di 

23 maggio 2014

Casa Moscati

Casa Moscati (foto tratta dal Nuovo Amico)

PESARO – Pesaro in lutto, è scomparso Paolo Pierucci. Fondatore assieme a don Gaudiano di casa Moscati, residenza per malati di Aids, lascia la moglie e due figli adolescenti. Grandissimo dispiacere al Ceis, il Centro italiano di solidarietà di Pesaro.

“Iniziò a lavorare a Gradara, nella comunità per tossicodipendenti di cui ero responsabile – ricorda Roberto Drago, amico fraterno, ai microfoni di Radio città – Da volontario aprì casa Moscati. Era una persona con grandissima capacità di saper leggere le esigenze delle persone. Qualche anno fa, provato dalla malattia, mi chiese di aiutarlo a far proseguire l’esperienza che aveva inaugurato. Un’altra prova della grandezza della persona, che sentiva la necessità di lasciare ad altri l’eredità. Paolo ci ha insegnato che non sono i superuomini che fanno queste cose, ma persone normali, coi propri pregi e difetti, che si mettono a disposizione del prossimo in maniera incondizionata”.

Domenica, alle 18, sarà recitato un rosario nella chiesa di Loreto. I funerali sono previsti per lunedì, in orario da stabilire.

4 Commenti to “Pesaro piange Paolo Pierucci: fondò casa Moscati, residenza per malati di Aids”

  1. lu scrive:

    Un uomo straordinario! Un santo moderno, sempre al fianco dei più deboli. RIP

  2. Daniele scrive:

    Riposa in pace Paolo, uomo di grande umanità

  3. smanettone scrive:

    Paolo mi fu presentato da Luca Bartolucc e non finirò mai di ringraziare Lupo per questo: Mi , anzi ci mancherai molto grazie di tutto.

  4. Milena scrive:

    Ci mancherai veramente tanto… sempre buone parole e consigli per tutti… Sarai accolto a braccia aperte SU’…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>