Sbk a Donington: incontenibile Sykes, per lui doppietta. Giugliano ko in gara1 e 4° in gara2. Bene la Bimota che continua a crescere con Badovini

di 

25 maggio 2014

Tom Sykes e la Kawasaki conquistano Donington vincendo entrambe le manche dopo due rimonte notevoli.

Melandri in gara 2 stava andando bene ma è stato steso da Loews, Giugliano con la quarta piazza nella seconda manche riscatta la caduta di gara uno: ottime prestazioni per la debuttante Bimota con Badovini.

In Supersport dominio Honda con Vd Mark, sfortunato Zanetti che rompe il motore, bene la Mv con Cluzel; primo degli italiani Tamburini ottavo.

Gara1. Dopo tanta pioggia, la prima manche a Donington ha preso il via sotto un tiepido sole.

In pole position Davide Giugliano con la Ducati, in terza piazza e quindi in prima fila, Marco Melandri con l’Aprilia.

La prima manche inglese della Sbk è stata caratterizzata dalla rimonta del campione del mondo in carica, l’inglese Sykes, che sul circuito di casa ha dato spettacolo. Decimo al primo giro, Tom ha controllato la situazione nelle prime tornate poi –forte, forte- ha recuperato posizioni su posizioni andando , a due giri dal termine, a prendere il comando.

Ma Baz, suo compagno di squadra con la verdona, non ci sta e lo ripassa.

Tra i due è battaglia feroce, sorpassi controsorpassi mentre Lowes, da tempo terzo con la Suzuki, perde terreno, poi Sykes fa una bella prova di forza, stacca Baz e va a vincere la gara.

La doppietta di Sykes proietta lui e la Kawasaki sempre più al comando del mondiale Dbk

La doppietta di Tom Sykes proietta lui e la Kawasaki al comando del mondiale Dbk

Grande Sykes che scattava al via dalla settima piazza e al primo giro era solo decimo, bravo Baz che ha condotto la gara a lungo ma quando è stato superato dal compagno di squadra ha tirato i remi in barca evitando di resistere più di tanto, buon terzo Lowes, quarto Melandri, ottimo decimo Badovini con la Bimota, 12esimo Canepa infilato da Salom all’ultima curva.

Male, come da tempo accade Giugliano, ancora una volta a terra: il pilota romano della Ducati è caduto al 17° giro quando era secondo.

Gara2. Start ancora con pista asciutta a Donington. Melandri scatta veloce e alla prima curva transita primo ma Guintoli in fondo al discesone lo passa: al primo giro le due Aprilia prendono margine, terzo Baz, Sykes è quinto, Giugliano nono.

Gara 2 è un poco una riedizione di gara uno con la grande rimonta di Sykes che fa il bis e vincendo ancora si laurea Re di Donington

Peccato per Melandri che era partito bene e stava con i primi ma Loews ha pensato bene di tamponarlo e tirarlo giu. Entrambi riescono a riprendere la pista e, al traguardo Loews si piazzerà 16esimo, Melandri 19esimo.

Tornando a Sykes va detto che il buon Tom è, come in gara uno, “tornato su” alla grande e quando a metà gara, con il terzetto composto da Guintoli primo, secondo Baz e terzo Sykes, mentre Giugliano navigava distanziato in quarta piazza, cronometro alla mano si è capito che il campione del mondo in carica avrebbe potuto risalire sul gradino più alto del podio. E infatti all’undicesimo dei 23 giri, quando Guintoli e Baz hanno fatto un poco di confusione battagliando tra loro, Tom li ha passati con decisione e da lì, forte- forte, è andato a vincere davanti a Baz e Guintoli.

Finalmente Giugliano non è caduto ed ha conquistato, portando la Ducati al tragurdo, la medaglia di legno del quarto; davvero bravo Badovini in sella alla riminese Bimota che ha conquistato una onorevolissima nona piazza, superato all’ultima curva da Elias.

 

sbkkk

Supersport. Vince  Vd Mark. Il Cielo minaccia pioggia ma la partenza è asciutta anche per le Supersport. Partenza a razzo di Sofoglu che prende il comando, buona partenza anche di Zanetti, quarto, e Tamburini settimo. Solita spettacolare bagarre nei primi giri con Sofoglu che prende metri mentre Coghlan e Zanetti battagliano e Vd Mark – che partiva dalla pole, dopo una scarsa partenza recupera.

Vd Mark ha vinto e consolidato il suo primato in classifica

L’olandese Vd Mark ha vinto e consolidato il suo primato in classifica

Sofoglu conduce ma a metà gara ha un problema tecnico, il terzo in quattro gare, che gli fa perdere posizioni mentre invece il buon Zanetti, dopo una gran fumata del suo motore deve ritirarsi.

Nel frattempo Vd Mark ha preso il comando ma Cluzel con la sua Mv non molla, terzo Coghlan, quarto Sofoglu che sembra aver risolto il problema tecnico e recupera. Ultimo giro spettacolare con Cluzel che attacca ma Vd Mark chiude le porte e vince, terzo Coghlan, poi Sofoglu.

Migliore degli italiani Tamburini, ottavo, alle sue spalle nell’ordine De Rosa, Rofo e Bussolotti, quindi al 13esimo posto Russo, 14esimo Nocco

Vd Mark consolida con la vittoria a Donington la sua prima posizione in classifica.

ssp

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>