Minardi il più votato di Fano dove (curiosità) c’è un Matteo Renzi che prende 29 voti. Vallefoglia: è ritorno al futuro. E Sant’Angelo in Vado va in bianco

di 

27 maggio 2014

Con 685 preferenze Renato Claudio Minardi, esponente del Partito Democratico, risulta il candidato al consiglio comunale più votato. Il risultato di ieri, che vede al ballottaggio il candidato Massimo Seri della coalizione di centrosinistra Fare Città e il grillino Hadar Omiccioli, vede una percentuale molto alta dello stesso Pd, che con il 24,12% e 8376 voti è ufficialmente il primo partito cittadino.

 

“I cittadini hanno premiato un progetto credibile di governo per la città –ha commentato oggi Minardi – e con la candidatura di Massimo Seri, scelta con il percorso delle primarie, abbiamo abbiamo mostrato grande compattezza. Il nostro progetto – ha ricordato – è sostituirci ad amministratori che hanno fatto perdere il ruolo da protagonista che Fano merita rispetto alla regione e a tutto il centro Italia”.

 

Sul risultato ottenuto dal partito Minardi si è detto contento: “Nonostante ci siano stati dei gufi che avrebbero preferito che questo risultato non arrivasse sono soddisfatto in quanto si tratta del frutto di un lavoro di una squadra che dal congresso in poi ha messo in fila un obiettivo dietro l’ altro, fino a quello della riconquista della città”.

Sui 685 voti ottenuti Minardi ringrazia quanti l’hanno sostenuto e votato: “per quello che mi riguarda posso dire che ho sempre lavorato con impegno, passione e serietà nell’ interesse della comunità in cui vivo, ed oggi ringrazio di cuore quanti mi hanno confermato la loro fiducia. Continuerò a lavorare come ho smpre fatto – ha concluso – con la serietà e l’impegno che mi hanno contraddistinto in questi anni”.

Curioso, invece, l’omonimia registrata a Fano: Matteo Renzi, omonimo del premier, in lista con il Nuovo Centro Destra per Carloni, ha ottenuto 29 voti.

Matteo Ricci, che ha dormito poco e festeggiato tanto (domani alle 19 festa popolare alla Palla di Pomodoro aperta a tutti) ha battuto emiliani e toscani: è lui il sindaco più votato d’Italia (dopo il collega sassarese). Giovedì incontro alla direzione nazionale con Matteo Renzi.

L’incredibile si è materializzato in terra vadese. I cittadini si Sant’Angelo in Vado hanno deciso di andare in bianco appoggiando la causa della lista esclusa, Progetto Comune con Massimo Guerra che aveva invitato a votare scheda bianca. Così, senza quorum, ci sarà il commissariamento del Comune con nuove elezioni fissate per la primavera 2015 in concomitanza delle elezioni regionali.

A Vallefoglia, neonato comune formatosi dalla fusione di Sant’Angelo in Lizzola e Colbordolo, vince Palmiro Ucchielli (PD) già sindaco di Colbordolo nel 1977. Da “ritorno al futuro” anche il più votato: Massimo Pensalfini, con 438 preferenze, in lista con i Democratici di Ucchielli, sindaco uscente di Colbordolo.

Intanto, ha fatto il giro del web (e non solo) la notizia della vittoria del M5S a Montelabbate: la festa dei pentastellati ha scatenato un caldissimo botta e risposta sui social network al ritmo di #montelabbatepresa e #abbiamovintonoi

 

 

 

 

Un commento to “Minardi il più votato di Fano dove (curiosità) c’è un Matteo Renzi che prende 29 voti. Vallefoglia: è ritorno al futuro. E Sant’Angelo in Vado va in bianco”

  1. […] Minardi il più votato di Fano dove (curiosità) c’è un Matteo Renzi che prende 29 voti. Vall… sembra essere il primo su […]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>