Sant’Angelo in Vado, per la segretaria del Pd ha vinto il Paese intero

di 

29 maggio 2014

Alessandra Ingegni

Alessandra Ingegni

SANT’ANGELO IN VADO – “Con estrema soddisfazione, vogliamo ringraziare tutti i cittadini vadesi che in queste elezioni per il Parlamento Europeo hanno creduto nel Partito Democratico. Una percentuale di voti molto alta, pari al 48,13%”. Parole e musica sono di Alessandra Ingegni, che commenta così il voto alle Europee: “Analizzando anche i risultati a livello provinciale emerge una fiducia sempre più forte nei confronti del PD: notiamo che in tutta la provincia di Pesaro e Urbino ha raggiunto il 47,85%. A livello di singoli Comuni, invece, ad Urbania ha ottenuto il 49,33%, a Cagli il 48,23%, a Fano il 44,78%, a Pesaro il 49,84%, a Peglio il 66,42%, a Fermignano il 55,76% e infine a Cantiano il 62,14%. Un partito sempre più radicato nel territorio. Che per noi significa stare dentro la quotidianità del paese, nei problemi e nelle speranze delle persone”.

Poi inevitabilmente l’analisi si sofferma sull’esito delle elezioni a Sant’Angelo in Vado: “Sant’Angelo in Vado inizia a scrivere una nuova storia: desideriamo ringraziarvi tutti, uno per uno, per aver contribuito a un record storico alle Europee. Una forte volontà dei cittadini di cambiamento e rinnovamento che non deluderemo, ma anzi saremo all’altezza delle speranze facendo la nostra parte anche nel territorio – premette il segretario Ingegni Un abbraccio a tutti coloro che hanno condiviso insieme a noi per il bene del paese una grande battaglia di civiltà. Con il voto bianco a vincere è Sant’Angelo in Vado. Adesso c’è bisogno di ritrovare serenità. Pertanto sono inopportune le affermazioni del candidato sindaco di “Coltiviamo il futuro” contro i cittadini che non hanno votato per la loro lista. Ci vuole rispetto nei confronti della libera scelta delle persone. Una libertà che è stata garantita grazie al segreto del voto con lo strumento della scheda bianca. Noi, invece, abbiamo profondo rispetto di chi nonostante tutto si è recato alle urne per votare “Coltiviamo il futuro”. Per questa ragione la cosa più giusta da fare è superare le ostilità e mettersi tutti al sevizio di Sant’Angelo in Vado. È il tempo della responsabilità per accompagnare al meglio il paese, in questi pochi mesi di commissariamento, fino alle nuove elezioni. Dove avremo a prescindere dal vincitore un consiglio comunale di tutti e non di pochi. Quel giorno sarà il giorno di rinascita di Sant’Angelo in Vado: l’occasione più grande per tornare a crescere e lavorare per un futuro davvero migliore”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>