Primo matrimonio gay in Italia, manifesti di Forza Nuova: “Omofollia. Unica famiglia è quella naturale”. Club Forza Silvio: “Gesto di dubbio valore legale”

di 

30 maggio 2014

FANO – Non si è fatta attendere la reazione di Forza Nuova alla notizia che Fano sarà la prima città d’Italia a trascrivere un matrimonio gay con un atto diretto del sindaco (PER SAPERNE DI PIU’ CLICCA su http://www.pu24.it/2014/05/28/matrimonio-gay-fano-venerdi-diventa-ufficiale-fausto-ed-elwin-svolta-storica-in-italia/). Il certificato internazionale del matrimonio celebrato anni fa in Olanda da Fausto Schermi, ex dirigente comunale, ed Elwin Elwin van Dijk  sarà trascritto nel registro dello Stato civile oggi alle 9.30. Il sindaco uscente Aguzzi ha voluto la cerimonia nella sala della Concordia: un atto politico per superare le perplessità di ordine tecnico. E ora? Il precedente sarà dirompente.

Uno dei manifesti di FN apparsi questa mattina a Fano

Uno dei manifesti di FN apparsi questa mattina a Fano

Nelle prime ore del mattino di oggi, giorno fissato per la cerimonia tra i gay Schermi e Van Dijk, i militanti del movimento hanno tappezzato la zona del Municipio, in via San Francesco, di manifesti recanti la scritta “stop omofollia, l’unica famiglia è quella naturale”.L’azione di protesta è stata accompagnata da un comunicato stampa del coordinatore regionale Davide Ditommaso, in cui si attaca il sindaco uscente Aguzzi e non si risparmiano critiche al Vescovo Trasarti, accusato di indolenza.

“Forza Nuova continuerà ad avversare fermamente ogni deriva dissolutrice della famiglia tradizionale e l’introduzione di ideologie deviate-afferma Ditommaso-che promuovono unioni contro la ragione e contro la natura, come le giudicava con disprezzo lo stesso Platone.Queste parodie di matrimonio rischiano di avere effetti nefasti sulla società, iniziando con l’impatto emotivo devastante nei confronti dei più piccoli, per arrivare all’indebolimento di una istituzione già in crisi.L’unica famiglia degna di patrocinio e di sostegno è quella naturale, tanto più in una Nazione come l’Italia che ha un bisogno disperato di figli.Per tali motivi condanniamo duramente sia la propaganda LGBT che i suoi fiancheggiatori, come il sindaco uscente “gay friendly” Stefano Aguzzi, grazie al quale Fano passerà alla storia come la prima città d’Italia a benedire un matrimonio omosessuale. Noi siamo certi che i fanesi si sarebbero risparmiati volentieri qesto grottesco primato.Troppo grande era la tentazione e troppo ghiotta l’occasione per soddisfare le manie di protagonismo dell’ex sindaco, noncurante delle conseguenze di un’iniziativa tanto grave.

Forza Nuova

Forza Nuova

D’altra parte non possiamo non criticare il silenzio complice del Vescovo Trasarti e di tutto il mondo cattolico, dal quale ci si aspetterebbe quanto meno una presa di posizione ferma e chiara su questa pericolosa deriva relativista.È fin troppo evidente che anche la Chiesa ha deciso di abbandonare la difesa dei valori assoluti, piegandosi al politicamente corretto, per una sorta di davvero poco cristiano quieto vivere.Al contrario Forza Nuova non ha timori reverenziali nei confronti di nessuno-conclude Ditommaso-e continuerà a difendere i valori fondanti della nostra civiltà che è greca, romana e cristiana, da fanatici che vorrebbero sostituirli con l’ideologia del nulla. L’unica famiglia è quella naturale, stop omofollia!”

Negativo il parere anche FdI-An che, ieri, ha invitato i fanesi a difendere “le radici cristiane e i valori non negoziabili della vita, della persona e della famiglia”

“La Famiglia è tutto”. Prendiamo in prestito una frase di Giorgio Gibertini per sottolineare un concetto fondamentale: la famiglia è il cuore pulsante della nostra società, attorno al quale ruotano l’educazione dei figli, il sostegno reciproco, il senso civico e persino l’impresa ed il lavoro.
La politica dovrebbe dunque difendere questa istituzione, affinché donne e uomini sentano il sostegno dello Stato ed abbiano il coraggio e la forza per portare avanti la società, costituendo nuove famiglie e gettando le basi per trasmettere questo valore alle nuove generazioni.

 

Club Forza Silvio Fano: “Gesto di dubbio valore legale ma che ci fa riflettere” 

Prendiamo atto, tuttavia, che oggi proprio da quella politica è stato compiuto un gesto che mette a repentaglio quanto appena affermato: la trascrizione di un matrimonio tra due persone dello stesso sesso.
Non certo un gesto grave dal punto di vista formale, in quanto puramente simbolico e di dubbio valore legale (non esiste, attualmente, legislatura che consenta unioni gay in Italia), ma che deve farci riflettere perché pone l’accento su di un modello del tutto alternativo alla famiglia, pubblicizzandolo ed equiparandolo all’unione tra un uomo ed una donna.

 

Senza timore di passare per antiquati o moralisti riteniamo che, non solo nelle nostre tradizioni, ma persino nella natura umana sia insito un unico tipo di Famiglia, quella costituita da una donna ed un uomo che, durante il loro percorso, possano diventare madre e padre e continuare la nostra società.
A tale scopo, il Club di Forza Italia “Ricominciamo da noi” vuole rappresentare una sorta di laboratorio permanente in difesa della famiglia tradizionale. Già lo scorso mese abbiamo organizzato un evento, che ha avuto come ospite Giorgio Gibertini, in cui si è largamente dibattuto su questo tema ed è nostra intenzione continuare il confronto in modo liberale (cosa che contraddistingue il nostro pensiero), rispettando le diversità ma senza minare i fondamenti della nostra natura e della nostra società.
Il tema della Famiglia (intesa nella sua valenza tradizionale) è infatti al centro dei lavori del Club “Ricominciamo da Noi”, perché “la famiglia è il nucleo naturale e fondamentale della società e ha diritto ad essere protetta dalla società e dallo Stato”, come sancito dall’Art.16 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo.
Letizia Conter, Stefano Zannini
Club Forza Silvio Fano “RicominciamoDaNoi”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>