Assessore alla (grande) Bellezza. Locale e nazionale

di 

31 maggio 2014

PESARO – C’è già chi ha fatto qualche sorrisino; qualcun altro dell’ironia sull’Assessorato alla Bellezza. Il Sindaco del Comune di Pesaro, Matteo Ricci, vi stupirà con effetti speciali. Non solo con denominazioni “atipiche” dei propri assessorati. Appartiene alla categoria dei sognatori e, come si sa, i sognatori desiderano realizzare l’utopia. Cosa c’è da ridere? E’ bello, per esempio, investire in salute. Il primo atto che farà sarà una due giorni dedicata alla salute in cui, tutti quelli che si occupano di sanità, potranno dire la loro per giungere ad una piattaforma programmatica. La cosa è buona e giusta, e quindi “bella”. Il secondo tema che verrà affrontato sarà quello del lavoro. Tema utopico per una città di provincia? Niente affatto, se il sistema scuola sarà capace di dare ai nostri giovani le competenze necessarie per districarsi nel mondo. Bello è investire sulle risorse umane. Bello è il forum della città denominato “Matteo Sindaco” dove, da subito, saranno coinvolte le energie della società civile pesarese. Non solo le centinaia di persone che sono state in lizza per giungere in Consiglio Comunale. Sarà una famiglia allargata perché il nostro Matteo “Locale e Nazionale” ha detto: “Io voglio governare con i cittadini non solo con la Giunta che è solo un pezzo della mia squadra”. Anche questo è cosa buona e giusta, quindi bella. Martedì prossimo, ad una settimana dalle elezioni, si riunirà la prima Giunta che verrà presentata alla città. Sarà la Giunta che inizia la lunga macia del sogno che durerà 5 anni. Non tutti i suoi componenti, forse, arriveranno alla fine del percorso. Potranno essere sostituiti quelli che, in corso d’opera, non corrisponderanno alle aspettative del progetto, dell’utopia a cui tendere. Questa mi sembra la notizia più bella. Il Sindaco Matteo Ricci ha parlato alla suocera (gli assessori) perché nuora (i dirigenti) intenda. Flessibilità vera, cari compagni di percorso. Non il gattopardesco “Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi”. Qualcuno ricorda la recente, ventennale, storia amministrativa del Comune di Pesaro? Pesaresi sosteniamo questo nostro “ragazzo” Sindaco! Si è fatto fotografare con un cartello in cui vi è scritto: “Vietato dire che non si può fare”.

 

 

2 Commenti to “Assessore alla (grande) Bellezza. Locale e nazionale”

  1. […] Assessore alla (grande) Bellezza. Locale e nazionale sembra essere il primo su […]

  2. Fabio Arrrigoni scrive:

    E cominciasse allora il nuovo sindaco, ad applicare quel concetto di trasparenza tanto sbandierato e di cui si è riempito la bocca.
    Spiegasse perché ha continuamente rinviato l’approvazione del bilancio della provincia rinviando continuamente il consiglio provinciale, e dicesse ai suoi cittadini che se avesse convocato il consiglio provinciale per questo, a quest’ora non sarebbe stato sindaco.
    Spiegasse qual è la reale situazione della provincia dato che la campagna elettorale è finita.
    Riguardo la giunta poi:
    Mi spiegate a parte il fatto di dover ricompensare chi gli ha permesso di diventare sindaco non certo per i contenuti, la distribuzione di queste nomine da parte del sindaco Matteo Ricci ? Di cosa si potrebbe occupare l’uno che non rientri nelle competenze dell’altro?
    Assessore alla Sostenibilità: Ambiente e gestione del territorio, Mobilità e trasporti, energia, società partecipate
    Assessore alla Operativitá: Nuove opere, Ciclabili, Protezione civile, Manutenzione e quartieri.
    Assessore alla Gestione: Bilancio personale e coordinamento della macchina amministrativa, ricerca finanziamenti comunitari e nazionali, Servizi demografici.
    Assessore alla Vivacità: Attività economiche, Turismo, valorizzazione zona mare e centro storico.
    Assessore alla Rapidità: Urbanistica , sportello unico, edilizia privata
    Ora Pesaresi, pagate il loro lauto stipendio e non fiatate, perché questo vi meritate.

    Fabio Arrigoni

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>