Gambini: “Gravissimo quello che dicono gli esponenti del Pd sui fondi europei. Con me Urbino sarà amministrata diversamente”

di 

6 giugno 2014

Maurizio Gambini

Maurizio Gambini

URBINO – Hanno fatto scalpore le dichiarazioni dei giorni scorsi apparse sulla stampa locale dell’Onorevole Alessia Morani a sostegno di Maricla Muci sindaco. Maurizio Gambini non ci sta e dice: “Sembra più una dichiarazione mafiosa che politica, intimidire così i cittadini a votare una parte piuttosto che l’altra è gravissimo. Queste dichiarazione lasciano e hanno lasciato sgomento, mi auguro che vengano smentite”.

“Le dichiarazione dell’onorevole Morani e dell’europarlamentare Simona Bonafè sono di una gravità unica; non possono affermare che loro elargiranno fondi europei se vincerà la Muci, perché a questi fondi si ha diritto presentando dei progetti e i più validi vengono finanziati. Se queste affermazioni arrivano in Europa faremmo una magra figura, dei rappresentanti del governo non possono fare certe affermazioni. E pensare che io Alessia Morani, che per le politiche era in coppia con Oriano Giovannelli, l’ho anche sostenuta. Spero di non dovermi pentire”.

“Capisco le difficoltà che sta affrontando il PD urbinate – prosegue Gambini – ma queste dichiarazioni non sono accettabili. Ora Maria Clara Muci parla di fondi europei e di istituire un ufficio Progettazione, ma perché non lo hanno fatto prima? Hanno fallito clamorosamente e non capisco come facciano a far credere ai cittadini di fare ciò che non hanno mai fatto, i cittadini sono liberi di scegliere ma da questa parte troveranno la possibilità di realizzare progetti che daranno un futuro alla città. Voglio ricordare che gli unici fondi europei che sono arrivati in Urbino sono stati portati dalla comunità montana; quando ero assessore alle politiche comunitarie, portando avanti il progetto “9 comuni” e Urbino ha attinto a 1 milione di euro. La nostra capacità di essere vicini ai progetti che portano fondi europei anche nel settore privato è dimostrata: esponenti della Regione, come l’assessore ai fondi europei, assessori vari e il presidente GianMario Spacca, li ho portati io in città, Maurizio Gambini, e non i loro colleghi di partito”.

Gambini, parliamo di alleanze: Maria Francesca Crespini, leader di “Cut liberi tutti”, si è alleata con la sua coalizione, “Adesso governiamoci”, mentre Piero Demitri di “Con Demitri per Urbino” si è alleato con Maricla Muci nonostante avesse dichiarato mai con Muci né Gambini…
“Le dichiarazioni di Piero Demitri sono singolari e si commentano da sole. Prendersela con chi era all’opposizione e alla maggioranza, senza conoscere gli argomenti e le battaglie che ho fatto; ha sparlato contro di me, come se la città l’avessi amministrata io, cosa che non è mai stata in quanto io non sono mai stato nell’esecutivo dell’amministrazione comunale. Non ho mai replicato alle sue accuse, perché una persona che parla senza conoscere il funzionamento di un’amministrazione mi sorprende, ma mi sorprende di più l’alleanza con la Muci, cosa che ha creato sgomento tra molti cittadini. Ha fatto la peggior scelta possibile, poteva benissimo mantenere la propria dignità, così come Emilia Forti del Movimento 5 Stelle e Gualtiero De Santi di Sinistra per Urbino-Agorà, lasciando liberi i propri elettori. Noi comunque rappresenteremo anche queste forze se ce ne daranno la possibilità”.

I vostri avversari dicono che vi siete uniti con l’obiettivo di vendetta… anche “Cut liberi tutti è parte di questo obiettivo?
“Con “CUT Liberi Tutti” abbiamo fatto un accordo sui contenuti e non sulla spartizione di posti. Diversi punti si collimano con il nostro programma, un programma che si arricchisce di progetti e che punta sui giovani. Sono contento di questa scelta e posso smentire ciò che qualcuno dice: noi pensiamo ai contenuti e non alla spartizione di ruoli. Ho sempre detto di avere rispetto di tutti, anche della Muci, cosa che lei non ha per me. Io non ho rancori e questo dovrebbe far riflettere gli elettori. Voglio guardare avanti e credo che la città vada amministrata in modo diverso e con noi è possibile”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>