Andrea Zucchi vuole l’istituzione di un Registro dei conflitti d’interesse: “Potremmo occuparcene noi de La Sinistra”

di 

7 giugno 2014

Andrea Zucchi

Andrea Zucchi

PESARO – Caso De Regis, da La Sinistra, e precisamente da Andrea Zucchi, una proposta: “Non c’è modo migliore per risolvere le polemiche sulla nomina dell’assessore all’Urbanistica, responsabile di Confindustria anche dell’Edilizia Privata, che adottare il registro dei conflitti di interesse”.

Zucchi è convinto che, analizzando a priori gli eventuali punti di contatto tra lavoro privato e incarico pubblico, si eviterebbero polemiche, garantendo l’effettiva imparzialità degli amministratori.

“Capiamo la scelta del neosindaco Matteo Ricci – scrive Zucchi in una nota riferendosi alla nomina di Stefania De Regis, proveniente dal mondo di Confindustria, ad assessore alla Rapidità – e potremmo condividerla, soprattutto se legata, come ha detto pubblicamente, ad un “programma urbanistico chiaro, che preveda stop al consumo del territorio, sì a trasformazione urbana, riqualificazione energetica, e semplificazione”. Ma ribadiamo la richiesta di applicazione di questo registro dei conflitti di interesse, ritenendola la soluzione migliore anche per consentire di lavorare più liberamente ad una giunta al servizio dei cittadini”.

L’esponente de La Sinistra si dice pronto a farsi carico di una simile proposta. “In periodo di crisi, con le notizie continue di scandali legati a gare d’appalto criminose come quelle dell’Expò a Milano e del Mose a Venezia, sarebbe un segnale limpido e chiaro di trasparenza, nonché prova di modernizzazione dell’amministrazione locale”.

Poi Zucchi si dice d’accordo con Giannotti di “Io Centro” circa un coinvolgimento di tutte le parti politiche che hanno portato il proprio mattoncino alla vittoria di Ricci. “Anche La Sinistra, certa che così vorrà intenderla anche il Pd, è pronta ad offrire il suo contributo per qualsiasi questione relativa al programma per la città, ma vorrebbe anche che le scelte più importanti per il futuro della città stessa fossero prima condivise con tutte le forze del centrosinistra”. E poi fissa indirettamente una scala di priorità, che comprendono le questioni socio-sanitarie e quelle culturali e ambientali, il futuro dell’area dell’ex Amga e il rinnovo del contratto per la raccolta dei rifiuti, “affidato oggi ad una ditta, la Sangalli, i cui vertici sono decapitati per malaffare dalla giustizia”.

“La due giorni con gli Stati generali della Salute – conclude Andrea Zucchi de La Sinistra – cui sicuramente vogliamo aderire, va in questa direzione, visto che emergerà anche la questione dell’ospedale; l’auspicio è che sia così anche per tutto il resto”.

2 Commenti to “Andrea Zucchi vuole l’istituzione di un Registro dei conflitti d’interesse: “Potremmo occuparcene noi de La Sinistra””

  1. […] Andrea Zucchi propone l’istituzione di un Registro dei conflitti d’interesse: “Pot… sembra essere il primo su […]

  2. […] Andrea Zucchi vuole l’istituzione di un Registro dei conflitti d’interesse: “Potre… sembra essere il primo su […]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>