Italvolley inarrestabile: la Polonia s’arrende davanti al fantastico pubblico di Bari. E domenica gara 2 al Foro Italico

di 

7 giugno 2014

ITALIA – POLONIA 3-1
ITALIA
: Kovar 6, Parodi 10, Vettori, Rossini (L), Zaytsev 24, Lanza 4, Buti ne, Travica 4, Piano 9, Birarelli 8, Baranowicz ne, Randazzo ne. All. Berruto
POLONIA: Nowakowski 1, Konarski 1, Klos 9, Wrona 7, Bociek 24, Drzyzga 1, Ruciak (L), Zygadlo, Zatorski (L), Ferens ne, Mika 9, Buszek 11. All. Antiga.
ARBITRI: Loderus (Olanda) e Alenezi (Kuwait)
PARZIALI: 25-22; 20-25; 25-23; 25-20 in 122 minuti
STATISTICHE DI SQUADRA: Italia: battute sbagliate 16, vincenti 3, muri 11, errori 11; Polonia: battute sbagliate 18, vincenti 6, muri 9, errori 12.

BARI – Anche a Bari, davanti al pubblico entusiasta (5.000 spettatori) che ha gremito il PalaFlorio, preso d’assalto già un paio d’ore prima della partita, è proseguito il momento magico dell’Italvolley di Mauro Berruto, che ha colto la quinta vittoria in altrettanti incontri. La Polonia, che si è presentata senza giocatori importanti, ha reso la vita dura agli azzurri, come dimostrano i parziali e il secondo set vinto con merito dalla squadra di Antiga.

Una bella vittoria, al termine di una gara combattuta, piena di capovolgimenti di punteggio, chiusa con un gran finale targato Ivan Zaytsev, autentico trascinatore nei momenti decisivi della gara.

Berruto ha mandato in campo lo stesso sestetto di partenza, poi nel corso del match, viste le difficoltà in ricezione ha puntato molto e con buoni risultati su Filippo Lanza al posto di Jiri Kovar. Proprio l’ingresso del martello veronese ha dato la svolta alla gara. Dal terzo set in poi si è vista un’altra Italia in grado di prendere in mano il gioco e di chiudere in crescendo, conquistando una meritata vittoria.

L’Italia ha iniziato il match con lo stesso piglio dei precedenti impegni, ma si è visto quasi subito che qualcosa non funzionava alla perfezione. Gli azzurri pur con un Parodi sempre ispirato in ricezione non riuscivano a sviluppare il loro consueto gioco. La Polonia, formazione molto quadrata si è appoggiata sin dai primi scambi al suo gigantesco opposto Bociek, potente e instancabile. Il punteggio è stato sempre in equilibrio. Gli azzurri si sono imposti di misura 25-23, con l’ultimo punto conquistato grazie al video check. All’occhio meccanico non è sfuggita la mano di Konarski che si aggrappava alla rete, che non era stata vista dalla coppia arbitrale.

Il sestetto di Mauro Berruto è andato in difficoltà in ricezione nel secondo parziale. Il tecnico tricolore ha cercato di correre ai ripari utilizzando sia Randazzo che Lanza, ma l’apporto dei due giovani è stato relativo e la Polonia, è volata via sino al 25-20. Nel terzo il tecnico piemontese decideva di togliere Kovar e di inserire in pianta stabile Filippo Lanza. La ricezione italiana ne ha trovato grande giovamento e il match ha cambiato volto. Travica ha servito con grande continuità uno scatenato Zaytsev che con la sua potenza e i suoi colpi ha indirizzato il match verso la quinta vittoria azzurra nella World League. Nel quarto l’Italia quando è passata in vantaggio ha fatto vedere il meglio di se, finendo con il chiudere con un meritato 25-20.

Grande soddisfazione tra gli azzurri per la quinta vittoria consecutiva. Emanuele 
Birarelli, il capotano, è raggiante: “È stata una vittoria difficile e importante. Lo sapevamo, loro giocano sempre con un ottimo atteggiamento. Quando poi l’inerzia della gara sembrava volgere a loro favore siamo stati bravi a giocare con tanto cuore. Oggi siamo andati in difficoltà in situazioni che in altre gare ci erano riuscite meglio, ma l’importante è stato vincere anche questa partita giocata davanti a un pubblico meraviglioso”
.

Rossini: “Siamo contentissimi perché anche questa sera abbiamo disputato una gran bella partita che probabilmente è stata la più difficile tra quelle fini qui giocate. Scendere in campo con queste condizioni di pubblico ci aiuta e noi siamo ben felici di averlo dalla nostra parte”.

Parodi: “E’ stata la vittoria più difficile perché stiamo cominciando ad accusare un po’ di stanchezza, ma siamo stati bravi a stringere i denti nei momenti più complicati. Ora ci aspetta la gara di Roma dove vogliamo fare bene ancora una volta”.

Sabato il trasferimento a Roma, domenica sera il bis nell’inconsueto, ma affascinante centrale del Foro Italico. Il volley torna all’antico e giocherà all’aperto. Sarà un grande evento negli spazi abitualmente dedicati al tennis.

I risultati e le classifiche della World League 2014 giunta al terzo fine settimana:

Pool A: Brasile-Iran 6/6, 7/6; Italia-Polonia 3-1, 8/6 (Roma Parco del Foro Italico ore 20).
Classifica: Italia 15, Brasile 4, Polonia 3, Iran 1.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>