Prima salva la vita a un uomo, poi a un cagnolino. Storia di un medico del 118 sempre in prima linea

di 

14 giugno 2014

Immagine tratta dal web

Immagine tratta dal web

PESARO – Ha salvato un uomo, stabilizzandolo e trasportandolo al Pronto Soccorso di Pesaro con un codice rosso, quindi molto grave, e poi, subito dopo, una volta uscito nel piazzale dell’ospedale, ha salvato un cagnolino ridotto in fin di vita. L’ha trattato, come si suol dire, come un “cristiano”: l’ha rianimato, gli ha fornito l’ossigeno per farlo respirare, un po’ di ghiaccio per abbassargli la temperatura e somministrato una flebo per ridargli forza. Insomma, neanche dr.House sarebbe riuscito a tanto. Questa è la storia di un medico del pronto soccorso pesarese che, anche dopo un intervento delicato di vita o di morte di un uomo, trasportato all’ospedale di Pesaro a sirene accese, anche in uno dei pochi momenti liberi che la giornata di questo lavoro difficile propone, non ha perso tempo per salvare la vita di un pincher ritrovato in pessime condizioni nel piazzale dell’ospedale San Salvatore. Il cane non stava in piedi, sembrava stremato dal caldo: il medico non ha perso tempo, richiamando l’attenzione di un collega e dell’autista dell’ambulanza. Una volta stabilizzato il cucciolo, disidratato e vittima probabilmente di un colpo di calore, è stato allertato il veterinario. Il cagnolino è stato poi restituito ai due ignari padroni: due anziani pesaresi.

 

 

3 Commenti to “Prima salva la vita a un uomo, poi a un cagnolino. Storia di un medico del 118 sempre in prima linea”

  1. Stefano scrive:

    Congratulazioni al medico. Bravo!

  2. smanettone scrive:

    Poi dicono che la sanità pesarese non funziona. Mi piacrebbe conoscerlo questo medico per congratularmi com lui: finalmente una bella storia

  3. Luciano scrive:

    Ma che bravo! Con medici e personale paramedico così, la sanità pubblica funziona, ma basta tagliare i fondi. Altrimenti potranno curarsi solo i ricchi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>