Follia a Mondolfo: un domenicano aggredisce un anziano

di 

16 giugno 2014

MONDOLFO – Follia a Mondolfo. Nella notte un cuoco di origini domenicane, ma da anni residente nella cittadina del Pesaro, ha aggredito un vicino di casa. I carabinieri raccontano che la vittima è un mite pensionato, preso di mira dal 39enne straniero, in preda ai fumi dell’alcol, per una banale questione di parcheggi condominiali.

La vicenda. Il dominicano, dopo una serata di baldoria, a bordo della sua amata motocicletta ha fatto ritorno a casa, una villetta a schiera vicino ad una discoteca di Mondolfo. Entrato nel parcheggio condominiale vede un vicino. Lo stesso che il giorno prima, per conto dell’amministratore del condominio aveva distribuito degli avvisi in cui si disciplinava il corretto uso degli spazi comuni. Immediata sarebbe stata l’aggressione. Prima avrebbe afferrato il malcapitato al collo minacciandolo di morte, e poi lo avrebbe provato a colpire con il casco che aveva ancora in mano. La reazione dei presenti ha permesso all’aggredito di rifugiarsi al sicuro della propria abitazione.
Non soddisfatto, il dominicano, brandendo il casco come una clava, avrebbe abbattuto un cancelletto che porta all’abitazione del vicino per poi scagliarsi sul portoncino, sempre colpendolo con il casco e con tutto quello che aveva a portata di mano.

Arrestato. Giunto sul posto, il comandante della stazione carabinieri e una pattuglia del Norm di Fano, il nucleo operativo radiomobile dell’Arma, non con poca fatica sono riusciti a immobilizzare l’uomo ancora in preda alla furia omicida. Condotto in caserma, è stato tratto in arresto e messo in camera di sicurezza. Il giorno successivo, in sede di convalida, di fronte al giudice ha ricordato a fatica quanto accaduto. Completamente svanito il livore e il motivo di tanta acredine nei confronti del vicino. Della notte di follia restano solo i fumi dell’alcool e il pericolo corso da un mite vicino colpevole di essersi trovato al posto sbagliato nel momento sbagliato.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>