Marotta è unita, il Consiglio Regionale ha deciso. Delvecchio: “Ingiustizia è fatta”

di 

17 giugno 2014

MAROTTA – Marotta è unita. Lo ha approvato oggi pomeriggio il Consiglio regionale delle Marche con 22 voti favorevoli, 6 contrari e tre astenuti al termine di confronto serrato, in aula, alla presenza di un numerosissimo pubblico. Marotta si stacca dal Comune di Fano ed entra a far parte del Comune di Mondolfo. Ricordiamo che la proposta di legge, secondo proposta popolare, presentata nel febbraio 2011.

MAROTTA, STORIA DI UNA DIVISIONE

Fino ad oggi la frazione di Marotta, con i suoi circa 8000 abitanti, è stata divisa tra Fano, Mondolfo e San Costanzo. Da sottolineare  che Marotta si trova a sei chilometri da Mondolfo e ben 14 da Fano. Il referendum consultivo dello scorso 9 marzo aveva espresso un verdetto chiaro: 2798 sì, 1357 no (aveva preso parte il 56,99% degli aventi diritto)

DELVECCHIO: INGIUSTIZIA E’ FATTA

“Ingiustizia è stata fatta – scrive in una nota Davide Delvecchio, ex assessore del Comune di Fano nonché candidato sindaco alle ultime elezioni –  il distacco di Marotta di Fano è stato legiferato dal Consiglio Regionale. Il PD locale e Regionale hanno svenduto un pezzo del territorio fanese, ma peggio, hanno diviso una comunità. Il PD ha responsabilità enormi su questa vicenda vergognosa, prima ha illuso i cittadini, durante la campagna elettorale per le amministrative Fanesi sull’importanza di Marotta con Fano e contemporaneamente tramava per la sua svendita. Dopo la nomina degli assessori, con poche novità e molta partitocrazia, questo è il primo vero atto del neo Sindaco Seri, la svendita di Marotta per volere dei potentati del PD. I cittadini di Fano erano stati chiari sul distacco ovvero avevano votato NO, il risultato è un territorio con una ferita che sarà difficile da far rimarginare, con questo atto si sono messi vicini di casa, amici, conoscenti uno contro l’altro. Infine mi sembra doveroso fare i complimenti ai Consiglieri Regionali residenti a Fano che hanno votato per svendere il territorio Fanese. Per quanto mi riguarda, non termina qui la battaglia, che faccia il suo corso la giustizia amministrativa, poi né riparleremo”.

 

Davide DelVecchio

Insieme per Fano

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>