Confcommercio presenta i Borghi del Gusto: a Novilara itinerario gastronomico in 7 tappe

di 

18 giugno 2014

NOVILARA – Si chiama “I Borghi del Gusto” ed è la manifestazione organizzata da Confcommercio nello splendido scenario naturale di Novilara il 26 giugno prossimo. In una perla del nostro comunale pesarese, incastonata sulle colline pesaresi che dividono cielo e terra, l’associazione di categoria e i ristoranti del paese propone un itinerario del gusto in sette tappe.

I Borghi del Gusto a Novilara

I Borghi del Gusto a Novilara

Percorso succulento. In pratica chiunque deciderà di immergersi nella magia del borgo di Novilara nella serata di giovedì 26, a partire dalle 19.30 potrà godere – al prezzo unico di 20 euro, biglietti anche in prevendita presso la sede Confcommercio – di piatti della tradizione tutti da gustare. Si inizierà con l’aperitivo della cantina Di Sante, qualche metro più in là, sempre lungo le mura, l’antipasto del Borgo dell’osteria Il Giogo. Poi ancora le mitiche tagliatelle con fagioli preparate Dalla Maria, il maialino in bellavista e contorno di patate arrosto della locanda Ricci. Gran finale coi dolci del borgo preparati dalle donne del paese, prima del concerto imperdibile del coro polifonico Jubilate della vicina Candelara.

I Borghi del Gusto

I Borghi del Gusto

Idea non nuova ma vincente. “Decliniamo sul territorio un’idea che pensiamo sia vincente – ha spiegato stamane, all’atto della presentazione, Marco Arzeni, segretario dell’associazione ristoratori, pubblici esercizi e turismo aderenti a Confcommercio – Abbiamo indirizzato i nostri sforzi verso Novilara che attraversa una fase di sonnacchioso silenzio per ridare vitalità al borgo e alle aziende che vi operano. Grazie ai ristoratori, grazie alla Banca dell’Adriatico che, avendo una filiale sul posto, ha tutto l’interesse ad appoggiare anche questa iniziativa. Una cosa tengo a dire: non si tratta di una sagra. “Borghi del Gusto”, che volutamente abbiamo declinato al plurale pensando a futuri sviluppi in altre perle della provincia, non vuole fare cassetto come tante manifestazioni che non hanno tradizioni né legami con il nostro territorio. Chiediamo all’amministrazione comunale un ragionamento serio che metta sui giusti binari ciò che è organizzato da professionisti e ciò che invece viene fatto in maniera sporadica solo per questione economiche”.

Passeggiata lungo le mura. “Abbiamo colto al volo l’idea di Confcommercio che affianca il cibo al borgo di Novilara – ha detto Maris Galdenzi, presidente del Quartiere colline e Castelli – Non abbiamo scelto la location a caso, ma siamo andati su un borgo ben tenuto che io conosco molto bene e che sonnecchia ma solo in parte. Dico questo perché la linea soft delle manifestazioni organizzate, che hanno soprattutto un carattere culturale, è voluta. E a tal proposito, chi deciderà di partecipare a “I Borghi del Gusto” potrà godere delle 70 opere degli allievi del Tam, il Trattamento artistico metalli di Pietrarubbia che è una scuola fondata dal maestro Arnaldo Pomodoro, il quale il 23 giugno – tre giorni prima della manifestazione cioè – compirà 88 anni. Il sogno è quello che possa partecipare… siamo pronti anche ad andarlo a prendere a Milano”.

Camera di commercio presente… per adesso. “Però dal prossimo anno le cose potrebbero cambiare – il lamento di Moreno Zandri, vicesegretario generale dell’ente camerale – Il premier Renzi ha annunciato una riduzione del 50% del diritto annuale che se si concretizzasse avrebbe un impatto significativo sulle nostre finanze”.
“Iniziative come queste – gli ha fatto eco Amerigo Varotti, direttore provinciale di Confcommercio – così come il Fuorifestival, i nostri Weekend gastronomici e non solo, sono possibili grazie alla Camera di commercio, che su un bilancio annuale di 5,8 milioni di euro ne riversa sul territorio 3. Se il decreto annunciato dal presidente del consiglio andasse avanti, comporterebbe una riduzione delle entrate del 50%. Tradotto: non ci sarebbe nemmeno un euro da rimettere sul territorio, perché l’altro 50% serve alla Camera di commercio per espletare le funzioni statali preposte. Renzi non ha capito che così facendo non risparmia nulla dei soldi pubblici, ma che invece taglia le gambe alle piccole imprese. Non a caso, l’unica associazione di categoria d’accordo con un simile provvedimento, è la Confindustria. I politici o sono sordi o sono impauriti. Però i cittadini devono sapere il rischio che corriamo”.

L’appoggio della banca. Nella sede della Confcommercio di Statale Adriatica, alla presentazione de “I Borghi del Gusto”, anche il presidente Angelo Serra e Mario Di Remigio, presidente dell’associazione ristoratori della provincia di Pesaro e Urbino, i quali hanno lodato la valenza della manifestazione ringraziando gli sponsor. “Ma per noi è un piacere ricevere un simile assist – ha risposto Riccardo Corbelli di Banca dell’Adriatico – Quando c’è intesa, affinità, rapidità e continuità si riescono a fare grandi cose per il territorio. Noi siamo sempre vicini ad associazioni importanti come Confcommercio che organizzano manifestazioni lodevoli come questa”.

Tra Week daMare e Mostra del Cinema. Chiusura per Varotti, che ha ringraziato pubblicamente Marzo Arzeni e Davide Ippaso: “E’ grazie a loro che questa kermesse è nata, in un momento in cui come Confcommercio siamo impegnati sui mille fronti, dai Week gastronomici daMAre, itinerari gastronomici lungo la costa, all’organizzazione e gestione delle serate della mostra del Nuovo cinema. A Gabicce, poi, il 6 di luglio torna Turismo in festa, con happening musicali per allietare i visitatori che comunque, stando alle telefonate e alle presentazioni, quest’anno dovrebbero essere in calo. Questo per dire che Confcommercio da anni porta avanti azioni per la valorizzazione del nostro territorio, che come peculiarità oltre al mare ha anche, se non soprattutto, le colline”. Come dargli torto?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>