Facebook è morto. Anzi no: Sorry, something went wrong. Cosa succede al social più amato dagli italiani?

di 

19 giugno 2014

La schermata di facebook visibile per diverse ore questa mattina

La schermata di facebook visibile per diverse ore questa mattina

Facebook è morto. Morte apparente, chiaro. Il social network da questa mattina, infatti, non è raggiungibile da ogni parte del mondo. Solo una scritta: “Sorry, something went wrong”: we’re working on getting this fixed as soon as we can. 

NESSUN CONDIVISIONE, NESSUN CONTATTO

Mettetevi il cuore in pace: per alcune ore sarà impossibile condividere foto e postare articoli, nessun gruppo da visitare, nessuna chat, niente di niente. Per alcune ore si tornerà al 2007 quando, almeno in Italia, l’uso di Fb non era ancora un’attività di massa. O vi date a twitter, o varcate la soglia di google plus oppure preparatevi a vivere una giornata vintage: sms, telefonate, un salto la bar.

ATTENTATO CINESE?

Dietro questo incredibile blackout ci potrebbe essere un hacker cinese. Difficile però capire da dove sia partito e cosa sia stata la causa scatenante tra milioni e milioni di utenti sparsi e collegati da tutto il mondo.  E se facebook non ripartisse più? Tecnologicamente parlando sarebbe come essere proiettati nel film “Io sono leggenda”. Dove gli zombie, ovviamente, sarebbero gli utenti orfani di facebook, nel mi piace sparato a raffica, della condivisione selvaggia, del selfie fatto sempre e comunque.

DA ALCUNI GIORNI FB ERA INSOFFERENTE

Da diversi giorni fb andava a rilento e sommava modifiche a modifiche tra le pagine, i gruppi e i profili. Alcuni anni fa un problema simile mandò nel panico più totale milioni di utenti: nulla in confronto al numero di contatti, però, che facebook ha raggiunto oggi. Allora ci vollero diverse ore per recuperare ogni dato di ogni utente. Ora, segnatevi questa data: 19 giugno 2014. Da oggi il mondo, forse, non sarà più lo stesso. E magari sarà meglio.

 

Tags: , , , , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>