“Marotta unita, un sogno che diventa realtà”

di 

19 giugno 2014

Comitato Pro Marotta Unita

 

MAROTTA – Ci sono giornate che rimangono nella storia di ogni città, il 17 giugno insieme al 9 Marzo sono due date che i marottesi non dimenticheranno mai. Lo scorso martedì si è finalmente concluso un iter legislativo avviatosi con la consegna in Regione delle 5000 firme previste dalla normativa per avviare il percorso che ha prima portato al referendum e poi alla votazione in Regione che ha approvato la proposta di legge del Comitato pro Marotta Unita, determinando finalmente l’unione della nostra città. E’ bello ricordare lo slogan della campagna referendaria “uniamo i pezzi”e alla fine abbiamo unito la nostra amata città divisa da sempre. Un’avventura iniziata tra lo scetticismo generale: “la solita storia”, “non ci riusciranno mai”, “perdono tempo”, questi i commenti più diffusi che ci hanno accompagnato per tutti questi anni. Oggi però in molti si sono ricreduti. La determinazione che ci ha spinto nel proseguire la nostra battaglia è stata alimentata dalla consapevolezza che un’intera cittadina aspettava questo epilogo, tanto desiderato quanto bello.

Marotta Unita

Marotta Unita

E’ stato un cammino lungo che ci ha portato spesso ad assistere a diversi consigli comunali, consigli provinciali, organismi di cui non conoscevamo l’esistenza, ad esempio il CAL, commissioni affari istituzionali e Consiglio Regionale.

Alla fine di tutto ce l’abbiamo fatta, Marotta è unita, il sogno s’è avverato e adesso possiamo tirare il fiato e festeggiare. Per Marotta inizia una nuova storia che sarà fatta di speranze e forse anche di difficoltà, ma che potremo affrontare insieme come una vera comunità.

Tutto questo è stato possibile perché sulla nostra strada abbiamo incontrato persone capaci e disposte a comprendere la nostra istanza che meritano un ringraziamento: al Presidente dell’Assemblea Legislativa Vittoriano Solazzi, al Sindaco Pietro Cavallo, al Presidente della Commissione Affari Istituzionale Perazzoli, ai relatori della proposta di legge Gino Traversini e Franca Romagnoli, ai consiglieri regionali che hanno sostenuto la nostra proposta, specialmente i consiglieri fanesi D’Anna, Carloni e Zaffini che con grande coerenza e senso di responsabilità hanno sostenuto una causa di democrazia avallando l’esito della consultazione popolare. Senza dimenticare i consiglieri del Comune di Mondolfo e della Provincia di Pesaro Urbino che hanno votato favorevolmente alla proposta di unire il nostro territorio.

Rimangono da definire i dettagli per il passaggio tra le due amministrazioni degli ormai ex cittadini di Marotta di Fano che dovrà avvenire entro sei mesi dalla pubblicazione nella gazzetta ufficiale della legge Regionale n.77

Un auspicio affinché gli animi si rasserenino dopo mesi di contrapposizione e che insieme i cittadini di Marotta possano scrivere una nuova pagina della nostra città.

 

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>