Mobilità e accordi penalizzanti, lettera aperta degli ex dipendenti Iterby che annunciano azioni eclatanti: “Inutili i nostri tentativi per evitare il concordato”

di 

19 giugno 2014

PESARO – I lavoratori della Iterby Italiana Mobili Spa, (ex Gruppo Berloni) di Pesaro, molti dei quali in mobilità dal mese di novembre 2013, hanno ricevuto notizia di una lettera inviata dall’ azienda ai fornitori, circa l’intenzione di procedere verso un concordato preventivo, che cancella di fatto gli accordi individuali siglati con gli stessi lavoratori, ad ottobre 2013.

“Accordi che, lo vogliamo ricordare – scrivono in una lettera aperta, gli ex dipendenti della Iterby spa – furono estremamente penalizzanti per tutti i dipendenti. Accordi nei quali si acconsentiva di rateizzare fino a 14 mensilità ed oltre, diversi stipendi arretrati, e tutti i trattamenti di fine rapporto (Tfr) per permettere ad Antonio Berloni di restituire il denaro in un tempo notevolmente più lungo, proprio per evitare il ricorso al concordato. Si tratta di soldi dei lavoratori, fino all’ultimo centesimo di euro che, precisiamo, sono il frutto di una vita di lavoro e di sacrifici.

La lettera continua: “Soldi che oggi sarebbero serviti ad integrare il modesto assegno di mobilità, unica fonte di sostentamento degli ex dipendenti. Invece, a dispetto della parola data ai lavoratori, dopo solo 5 mesi dalla firma di tali accordi, alla prima difficoltà, Berloni ha nominato un liquidatore, il quale, nei giorni scorsi ha inviato una lettera ai fornitori, per comunicare loro che Iterby ricorrerà al concordato”.

Gli ex lavoratori annunciano azioni eclatanti: “Nell’evidenziare, il profondo rammarico e disappunto per le decisione prese dall’azienda per conto del suo liquidatore, i lavoratori annunciano che tuteleranno i loro diritti nelle sedi opportune senza escludere azioni anche eclatanti, per portare a conoscenza dell’opinione pubblica la loro drammatica situazione.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>