La mamma di Yara a Pesaro per Ginnastica in Festa

di 

24 giugno 2014

Maura Gambirasio, la mamma di Yara

Maura Gambirasio, la mamma di Yara

PESARO – Promessa mantenuta. La signora Maura, la mamma di Yara Gambirasio ha presenziato alle premiazioni di Ginnastica in festa, nonostante le comprensibili difficoltà dal punto di vista emotivo che ha dovuto vivere. Tuffarsi nuovamente nel mondo che apparteneva a Yara, tra quelle ragazzine che assomigliano tanto alla figlia quando aveva appena 13 anni, fa ancora tanto male. Ma la forza di Maura Gambirasio è straordinaria: perché esporsi al pubblico ora che l’indagine relativa alla tragedia è stata riaperta è più difficile.

Ma non poteva mancare a premiare la gara che era di sua figlia e che per questo le è stata dedicata quattro anni fa dagli organizzatori. Il Sincrogym combinato collettivo senza attrezzi è l’ultima gara ufficiale nella quale Yara era salita in pedana nel 2010, prima della tragedia.

Così alle 14.30 Maura è salita sul palco per consegnare la coppa alla “Ritmica Rho” che ha interrotto il dominio triennale di Parabiago. Sempre Lombardia è, comunque, una regione dove la ginnastica è radicata. Molto toccante, poi, il momento in cui sul palco è stata chiamata l’ex squadra di Yara, le ragazze di Brembate di Sotto, invitate per l’occasione: la signora Gambirasio è riuscita a distendere il volto teso nell’unico sorriso della giornata. Sul fermo del presunto assassino di Yara, nemmeno una parola. “Questi erano i patti, ci aveva chiesto la massima riservatezza” spiega l’addetto stampa della Federginnastica David Ciaralli, che l’ha protetta dagli assalti dei fotografi. Mentre il consigliere federale Fabio Gaggioli ha sottolineato: “Questo è un momento di vicinanza che la Federazione ha stretto con la famiglia Gambirasio, una dimostrazione di affetto che si ripeterà ancora, perché la ginnastica era la sua famiglia”. Un vero e proprio blitz, durato poche ore: subito dopo la premiazione, Maura Gambirasio ha infilato una porta di servizio del quartiere fieristico, risalendo poi in auto per rientrare a casa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>