Emergenza sicurezza, Frega (Silp): “Rimostranze imprescindibili al Ministero, stucchevole il campanilismo riminese. Polizia, serve revisione totale”

di 

26 giugno 2014

Pierpaolo Frega*

PESARO – Come organizzazione sindacale ci conforta e ci rallegra che la politica, troppo spesso da noi evocata e soprattutto invocata, abbia accolto la nostra sollecitazione in merito alle assegnazioni dei rinforzi estivi.

Stucchevole invece appare la reazione della stampa riminese che vedeva nei confronti delle nostre giuste recriminazioni, questioni “campanilistiche”.

La direzione imboccata invece questa volta dalla politica, sia dal primo cittadino, che da parte degli eletti nella provincia in parlamento, non solo, appare chiara, ma è decisa ed unitaria.

Pierpaolo Frega

Pierpaolo Frega, segretario provinciale del Silp

Va sottolineato come imprescindibili siano le rimostranze rappresentate al Ministro dell’Interno che al suo vice Ministro Bubbico, dove non solo si fa un richiamo ai criteri con cui sono state fatte le assegnazioni estive, ma come alcune vicende locali non possano essere più taciute, dalla nuova collocazione degli uffici della Questura, quella del Commissariato di Urbino, così come l’elevamento a prima fascia del Commissariato di Fano.

Appare altresì incomprensibile il silenzio, che assomiglia tanto a rassegnazione, da parte di chi dovrebbe gestire la sicurezza. Senza il loro appoggio le lamentele del sindacato potrebbero apparire come ululati alla luna.

La sicurezza non può e non deve essere messa nella centrifuga della razionalizzazione delle spese a tutti i costi, il SILP CGIL non è contrario ad una riorganizzazione degli uffici, anche valutando eventuali chiusure degli stessi od accorpamenti, ma deve essere fatto con criterio, perché sulla sicurezza ed sui presidi di legalità si gioca anche la sfida futura per la ripresa economica del territorio.

Il commissario straordinario Cottarelli, nei giorni scorsi in audizione alla commissione affari costituzionali della Camera, ha affermato che da un maggior coordinamento delle forze di Polizia ne deriverebbe un risparmio, nel medio periodo, pari ad 1,5 miliardi di euro, ma non ha parlato affatto di cambiamenti radicali delle strutture esistenti.

Siamo convinti come SILP CGIL che oggi due corpi di Polizia a competenza generalista, non occorrano al paese, sia come coordinamento sia per un reale risparmio.

Anzi da una totale revisione di queste, siamo certi, ne gioverebbero innanzi tutto i cittadini ed i lavoratori stessi del settore sicurezza. Ma addirittura le risorse che si andrebbero a recuperare permetterebbero di contrastare la criminalità organizzata e non in maniera più decisa ed efficace.

*SEGRETARIO PROVINCIALE SILP CGIL

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>